Apri il menu principale

Modifiche

271 byte aggiunti, 6 anni fa
Con la divisione della [[Lombardia austriaca]] in [[Province della Lombardia austriaca|province]] ([[1786]]) Acquate fu assegnato alla [[Provincia di Como (Lombardia austriaca)|provincia di Como]], passando già nel [[1791]] sotto [[Provincia di Milano (Lombardia austriaca)|quella di Milano]], mentre nel medesimo periodo era stato assegnato alla [[pieve di Lecco]]<ref>{{cita web|url=http://www.lombardiabeniculturali.it/istituzioni/schede/5000154/?view=toponimi&hid=5000004|titolo=comune di Acquate 1757 - 1797|editore=lombardiabeniculturali.it|accesso=20 aprile 2013}}</ref>.<br>
In [[età napoleonica]] ([[1809]]) Acquate divenne frazione della [[città]] di [[Lecco]]<ref>{{cita web|url=http://www.lombardiabeniculturali.it/istituzioni/schede/5000320/?view=toponimi&hid=5000004|titolo=comune di Acquate 1798 - 1809|editore=lombardiabeniculturali.it|accesso=20 aprile 2013}}</ref>, recuperando l'autonomia con la costituzione del [[Regno Lombardo-Veneto]] ([[1816]]).<br>
All'[[Unità d'Italia]] ([[1861]]) Acquate contava 1.481 abitanti, mentre nel [[1921]], due anni prima di essere aggregato al comune di Lecco<ref>Regio Decreto 27 dicembre 1923, n. 3121</ref>, ne contava 2.421<ref>{{cita web|url=http://www.lombardiabeniculturali.it/istituzioni/schede/5500006/?view=toponimi&hid=5000004|titolo=comune di Acquate 1859 - 1923|editore=lombardiabeniculturali.it|accesso=20 aprile 2013}}</ref>.<br>
Il comune di Acquate venne soppresso ed aggregato a [[Lecco]] nel [[1923]]<ref>[[s:R.D. 27 dicembre 1923, n. 3121 - Aggregazione al comune di Lecco di quelli contermini di Castello Sopra Lecco, Rancio di Lecco, Laorca, San Giovanni alla Castagna, Acquate, Germanedo, nonchè di parte del territorio del comune di Maggianico|Regio Decreto 27 dicembre 1923, n. 3121]]</ref>.
 
==Scigalott d'or==
Utente anonimo