Differenze tra le versioni di "Aldo Moro"

m
→‎Morte e sepoltura: rimossa virgola tra soggetto e predicato
m (→‎Morte e sepoltura: rimossa virgola tra soggetto e predicato)
 
===Morte e sepoltura===
Dopo una prigionia di 55 giorni nel covo di via [[Camillo Montalcini|Montalcini]]<ref>Per una curiosa ironia della Storia, il luogo della prigionia del teorico della "centralità del Parlamento" fu una via periferica di Roma, nel quartiere Portuense, intitolata al più famoso dei funzionari parlamentari: [[Camillo Montalcini]] che resse la Segreteria generale della Camera dei deputati dal 1900 al 1927, quando fu rimosso dal [[fascismo]] alla luce delle risultanze della Commissione di inchiesta sulle presenze massoniche nelle istituzioni parlamentari.</ref> le Brigate Rosse decisero di uccidere Moro: lo misero dentro una macchina e gli dissero di coprirsi con una coperta dicendo che avevano intenzione di trasportarlo in un altro luogo. Dopo che Moro fu coperto, gli spararono dieci [[cartucce]] addosso uccidendolo. Il corpo di Aldo Moro, fu ritrovato il 9 maggio nel portabagagli di un'automobile [[Renault 4]] rossa a Roma, in via [[Michelangelo Caetani|Caetani]], emblematicamente vicina sia<ref>Erroneamente, forse a enfasi del fatto, venne riportato dalla stampa che il luogo del ritrovamento fosse esattamente a metà strada fra le sedi dei due partiti.</ref> a [[Piazza del Gesù (Roma)|Piazza del Gesù]] (dov'era la sede nazionale della [[Democrazia Cristiana (1942-1994)|Democrazia Cristiana]]), sia a [[via delle Botteghe Oscure]] (dove era la sede nazionale del [[Partito Comunista Italiano]]). Fu sepolto nel comune di [[Torrita Tiberina]], piccolo paese della provincia romana dove lo statista amava soggiornare. Aveva 61 anni.
 
[[Papa Paolo VI]] officiò una solenne commemorazione funebre pubblica per la scomparsa di Aldo Moro, amico di sempre e alleato, a cui parteciparono le personalità politiche e che venne trasmessa in televisione. Questa cerimonia funebre venne celebrata senza il corpo dello statista per esplicito volere della famiglia, che non vi partecipò, ritenendo che lo stato italiano poco o nulla avesse fatto per salvare la vita di Moro, rifiutando il [[funerale di stato]] e scegliendo di svolgere le esequie dello statista in forma privata.