Coppa diatreta: differenze tra le versioni

m
m (in qualità di aggettivo è difettivo di plurale)
== Diffusione e tecnica di realizzazione ==
 
Gli oggetti di questo tipo rinvenuti in Italia e altre regioni europee sono databili al periodo compreso tra il [[III secolo|III]] ed il [[IV secolo]].<ref>[http://www.italicon.it/enciclopedia/E00676.htm Vetro diatreta<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>.
 
Il termine “diatreta” deriva dal verbo greco διατραω = ''diatrao''<ref>Anton Kisa, Das Glas im Alterthume, Leipzig 1908, p. 624; Axel von Saldern, Antikes Glas, C.H.Beck 2004 ISBN 3406519946, p. 387 n. 1</ref> e si riferisce alla particolare tecnica di lavorazione dell'oggetto, che anticamente consisteva nella soffiatura di un vaso grezzo di spessore notevole, sul quale veniva dopo intagliata una raffinatissima lavorazione a reticolo, conferendo al manufatto il tipico aspetto di un vaso che sembra essere avvolto da un finissimo reticolo. Questa particolare tecnica veniva praticata forse in alcune manifatture della zona del Reno, ed ancora nasconde alcuni interrogativi per gli specialisti del vetro.
29 230

contributi