Differenze tra le versioni di "Lilli Gruber"

149 byte aggiunti ,  8 anni fa
(Annullata la modifica 59221267 di 62.18.183.86 (discussione))
Si iscrive al gruppo parlamentare del [[Partito Socialista Europeo]]. È presidente della Delegazione per le relazioni con gli Stati del Golfo; membro della Conferenza dei presidenti di delegazione; della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni; della Delegazione per le relazioni con l'[[Iran]]. Nel [[2007]], dopo un iniziale rifiuto ad entrare nel ''[[Comitato promotore 14 ottobre]]'' del [[Partito Democratico]], è divenuta membro della [[Commissione per l'Etica]], nominata dall'[[Assemblea Costituente Nazionale]].
 
Nel settembre [[2008]], in una lettera agli elettori spiega la decisione di non ripresentare la propria candidatura al Parlamento europeo nelle [[elezioni europee del 2009|elezioni del 2009]] e annuncia la conclusione dell'esperienza di «giornalista prestata alla politica», come si è autodefinita, per ritornare a svolgere la professione di giornalista. Si dimette, pertanto, da eurodeputata. «Così facendo - ha spiegato lei stessa a [[Pippo Baudo]] durante ''[[Domenica In]]'' del [[5 ottobre]] [[2008]] - ho rinunciato a uno stipendio di 11.800 euro lordi mensili e, dimettendomi prima della fine della legislatura, ho perso il diritto alla pensione». Dal 2008 conduce il programma ''[[Otto e mezzo (programma televisivo)|Otto e mezzo]]'' su [[La7]]. Si noti il fatto che, pur avendo denunciato la dilagante disinformazione in Italia, conduce il programma di [[La7]] in modo palesemente [[fazioso]].
 
Nel giugno 2012 compare nella lista dei partecipanti al [[Bilderberg|Club Bilderberg]] <ref>{{Cita news|url=http://www.bilderbergmeetings.org/participants2012.html|titolo=Bilderberg Meetings - Final List of Participants - Chantilly, Virginia, USA, 31 May-3 June 2012|pubblicazione=[[Bilderberg Meetings]] |giorno=31|mese=05|anno=2012|accesso=01-06-2012}}</ref>.
Utente anonimo