Parco archeologico e paesaggistico di Catania e della Valle dell'Aci: differenze tra le versioni

Il parco si occupa di ricerca, manutenzione, valorizzazione e fruizione
di circa un centinaio fra siti e monumenti archeologici, nonché della tutela di diverse migliaia di reperti, tra cui le migliaia di reperti della [[stipe votiva di piazza San Francesco]]. Tra i siti gestiti nel territorio comunale di Catania quelli la cui apertura al pubblico è garantita con orari regolari sono l'[[Anfiteatro romano di Catania|anfiteatro]], il [[Teatro romano di Catania|teatro]], l'[[Odeon (Catania)|odeon]], le [[terme della Rotonda]].
Sono ancora soggetti a lavori per la fruizione le [[terme dell'Indirizzo]], mentre altre aree archeologiche quali il [[Foro romano di Catania|foro]] o il cosiddetto ''[[Necropoli di Catania#Mausolei|Ipogeo Quadrato]]'' sono visitabili su prenotazione. Per garantire la fruizione dei reperti archeologici trovati a Catania sono state realizzate due sezioni espositive, ''Casa Pandolfo'' e ''Casa Libérti'', entrambe ospitate presso il teatro romano e costituenti l'[[antiquarium regionale del Teatro romano]].
 
== Note ==
Utente anonimo