Differenze tra le versioni di "Frontespizio"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Elimino interlinks vedi Wikidata)
[[Immagine:Frontespizio Dialogo di Galilei.jpg|200px|right|thumb|Frontespizio del ''Dialogo'' di [[Galileo Galilei]]]]
Il '''frontespizio''' è la scritta, posta all'inizio delle [[monografia|pubblicazioni monografiche]], che presenta le informazioni più complete su di essa e sulle opere in essa contenute.
 
Il '''frontespizio''' è la [[scritta]], posta all'inizio delle [[monografia|pubblicazioni monografiche]], che presenta le [[Informazione|informazioni]] più complete su di essa e sulle opere in essa contenute.
Di solito reca il titolo più completo, una indicazione di responsabilità e, per intero o in parte, l'indicazione di pubblicazione (o [[note tipografiche]]).
 
Di solito reca il [[titolo]] più completo, una indicazione di responsabilità e, per intero o in parte, l'indicazione di pubblicazione (o [[note tipografiche]]).
 
Altre informazioni relative alla pubblicazione del [[libro]], come i [[Diritto d'autore|diritti d'autore]] e l'[[ISBN]] sono sovente stampate sul [[verso]] del frontespizio.
I primi libri a stampa o [[incunabolo|incunaboli]] non possedevano frontespizi. Il testo aveva inizio dalla prima pagina ed il libro poteva essere identificato dalle parole iniziali ([[incipit]]) o dal [[colophon]].
 
Nel [[XVII secolo|Seicento]] il frontespizio si arricchì di elementi [[Decorazione|decorativi]] (illustrazioni e ornamentazioni). Nella seconda metà del Settecento, i tipografi neoclassici [[Giambattista Bodoni|Bodoni]], [[John Baskerville|Baskerville]] e [[Didot]]
effettuarono una semplificazione, eliminando gli elementi decorativi. Il modello di frontespizio esclusivamente tipografico è giunto fino al XXI secolo.
 
Utente anonimo