Difference between revisions of "Alvise I Mocenigo"

m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (smistamento lavoro sporco)
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
Svolse una proficua carriera diplomatica.
Ambasciatore nel [[1545]] presso [[Carlo V del Sacro Romano Impero|Carlo V]] (che lo creò conte palatino), nel [[1557]] presso il [[Papa|pontefice]] e nel [[1564]] presso l'imperatore.
Nel [[1566]] fu nominato capo del [[Consiglio dei Dieci]] e procuratore di San Marco ([[1565]]).
Nel [[1567]], ritenendo i tempi ormai maturi, aveva presentato la sua candidatura al soglio dogale ma l'accanita concorrenza di ben tre diretti rivali aveva talmente disperso i voti che dopo 77 scrutini s’era preferito far eleggere il vecchio [[Pietro Loredan]].
 
== Dogato ==
{{Vedi anche|Guerra di Cipro (1570-1573)}}
Quando venne eletto [[Venezia]] ([[11 maggio]] [[1570]]) si stava preparando ad un'impari guerra contro i [[Turchia|Turchi]] che, desiderosi di impossessarsi dell'isola di [[Cipro]], da quasi un secolo in mani veneziane, avevano allestito una potente flotta per conquistarla.
Nel periodo [[1570]] – [[1571]] le cose si misero male sull'isola che, presto, nonostante una dura lotta per il possesso di [[Nicosia]] ([[9 settembre]]) e la strenua resistenza di [[Famagosta]] (ove il comandante [[Marcantonio Bragadin]], arresosi con la guarnigione, venne spellato vivo), cadde in mani nemiche.
A questo punto, in modo molto tardo e senza gran effetto, si collocò l'alleanza fortemente voluta da Papa [[Pio V]] che portò una flotta cristiana a distruggere la flotta turca a [[Lepanto]] ([[battaglia di Lepanto]], [[7 ottobre]] [[1571]]).
Il successo, isolato e non sfruttato, non portò a benefici e [[Venezia]] fu costretta ad una gravosa pace ([[7 marzo]] [[1573]]) con cui cedette [[Cipro|l'isola]].
Il resto del dogato di Mocenigo non passò sotto migliori auspici: un incendio distrusse il [[Palazzo Ducale (Venezia)|Palazzo Ducale]] ([[11 maggio]] [[1574]], si sarebbe ripetuto nel [[dicembre]] [[1577]]), vi fu un'[[acqua alta]] straordinaria ed il ritorno della [[peste]] nel [[1575]].
Durante il [[luglio]] [[1574]] in qualità di [[doge]] ricevette la visita di [[Enrico III di Francia|Enrico III]], nuovo Re di [[Francia]], di passaggio per [[Venezia]] dalla [[Polonia]] per ricevere il nuovo trono.
 
Morì il [[4 giugno]] [[1577]].
 
{{Coin image box 1 double
{{interprogetto|commons=Category:Alvise I Mocenigo}}
 
{{Box successione|carica=[[Dogi della Repubblica di Venezia|Doge di Venezia]]|periodo=[[11 maggio]] [[1570]] - [[4 giugno]] [[1577]]|precedente=[[Pietro Loredan]]|successivo=[[Sebastiano Venier]]}}
{{Dogi di Venezia}}
{{Controllo di autorità|VIAF=50287209|LCCN=n/95/010092}}
2,802,479

edits