Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Specificità dei wikilink
 
==Origine==
Era il figlio primogenito del [[Maggiordomo di palazzo]] di [[Austrasia]]<ref name=Ludovici>{{la}} [http://books.google.it/books?id=0nBZAAAAYAAJ&pg=PR97&lpg=PR97&dq=Chronico+Marcianensi+de+Sancta+Rictrude&source=bl&ots=QbNFbJ9oPr&sig=P4PF-dwlyqeS16lrfmqqoS2t6_Q&hl=it&ei=SBnATpD9K8XHsgbek9nHAw&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=8&ved=0CFkQ6AEwBw#v=onepage&q=Chronico%20Marcianensi%20de%20Sancta%20Rictrude&f=true#ES Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Annales Francorum Ludovici Dufour , Pag 698]</ref> ed in seguito maggiordomo di palazzo di tutti i regni dei Franchi<ref name=Fredegario>{{la}} [http://www.thelatinlibrary.com/fredegarius.html#ES ''Fredegarii scholastici chronicum continuatum'', Pars secunda, auctore anonymo austraso, CVII]</ref>, [[Carlo Martello]] (che era figlio di [[Pipino di Herstal|Pipino di Herstal o Pipino II]] maggiordomo di palazzo di tutti i regni dei Franchi<ref name=marbacenses>{{la}} [http://www.archive.org/stream/annalesmarbacen00blocgoog#page/n32/mode/1up#ES Annales Marbacenses, pag 4 15-20]</ref> e di [[Alpaïde di Bruyères]]<ref name=Fredegari>{{la}} [http://www.thelatinlibrary.com/fredegarius.html#ES ''Fredegarii scholastici chronicum continuatum'', Pars secunda, auctore anonymo austraso, CIII]</ref>, (ca. 650-† [[717]]), di cui non si conoscono gli ascendenti, ma l'''Ex Chronico Sigeberti monachi'' ci informa che era sorella di un certo Dodone, domestico di Pipino II, che martirizzò il vescovo di [[Liegi]], [[Lamberto di Maastricht|San Lamberto]]<ref name=Sigeberti>{{la}} [http://books.google.it/books?id=0nBZAAAAYAAJ&pg=PR97&lpg=PR97&dq=Chronico+Marcianensi+de+Sancta+Rictrude&source=bl&ots=QbNFbJ9oPr&sig=P4PF-dwlyqeS16lrfmqqoS2t6_Q&hl=it&ei=SBnATpD9K8XHsgbek9nHAw&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=8&ved=0CFkQ6AEwBw#v=onepage&q=Chronico%20Marcianensi%20de%20Sancta%20Rictrude&f=true#ES Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Ex Chronico Sigeberti monachi , Pag 345]</ref>) e della sua prima moglie, [[Rotrude di Treviri]] ([[695]]-[[724]]) che per molto tempo è stata ritenuta figlia di Willigarda di Baviera e di San Liévin, Liutwin o Leudin (?-†713), [[Diocesi di Treviri|[[arcivescovo]] di [[Treviri]]; ma studi più recenti hanno stabilito che fu la figlia del conte Lambert de Hesbaye (?-†714), antenato dei [[Robertingi]] (poi [[Capetingi]]); da cui discese anche [[Ermengarda de Hesbaye|Ermengarda]] (778-818), moglie di [[Ludovico I del Sacro Romano Impero|Ludovico il Pio]].
 
== Biografia ==
Poi, sempre nel [[744]], Carlomanno e Pipino intervennero con l'esercito in Sassonia che si era ribellata, e dopo aver catturato il duca Teodorico un'altra volta<ref name=mett/><ref name=Francor>{{la}} [http://www.thelatinlibrary.com/annalesregnifrancorum.html#ES Annales Regni Francorum, anno 744]</ref>, secondo l'anonimo continuatore del [[Cronaca (genere letterario)|cronista]] [[Fredegario]], dopo aver fatto un gran numero di prigionieri e constatato che erano di stirpe simile agli abitanti del suo regno, Carlomanno li acquisì come sudditi<ref name=Fred>{{la}} [http://www.thelatinlibrary.com/fredegarius.html#ES ''Fredegarii scholastici chronicum continuatum'', Pars tertia, auctore anonymo austraso, CXIII]</ref> e molti di essi si convertirono alla fede cristiana e chiesero di essere battezzati<ref name=mett/>.<br>Sempre in quell'anno Carlomanno e Pipino intervennero in Baviera<ref name=Petaviarum>{{la}} [http://www.dmgh.de/de/fs1/object/display/bsb00000868_00039.html?sortIndex=010%3A050%3A0001%3A010%3A00%3A00|+Monumenta+Germaniae+historica%3A+Cronicon+Mossiacensis#ES Monumenta Germanica Historica, tomus primus: Analium Petaviarum continuatio , Pag 11]</ref> e dopo averlo sconfitto Carlomanno fece la pace con Odilone<ref name=fuldensis>{{la}} [http://www.dmgh.de/de/fs1/object/display/bsb00000868_00380.html?sortIndex=010%3A050%3A0001%3A010%3A00%3A00|+Monumenta+Germaniae+historica%3A+Cronicon+Mossiacensis#ES Monumenta Germanica Historica, tomus primus: Enhardi fuldensis annales , Pag 345]</ref>.
 
In quel periodo, tra il [[742]] ed il [[744]], Carlomanno fu promotore, sotto l'influsso del futuro<ref>[[Bonifacio vescovo|San Bonifacio]] fu eletto vescovo di Magonza, nel [[745]].</ref> [[arcivescovo di [[Magonza]], [[Bonifacio vescovo|san Bonifacio]], che era sotto la sua protezione, di una politica di moralizzazione dei costumi dei chierici e di rispetto per i beni della Chiesa e delle sedi vescovili da parte dei laici.
 
Nel [[745]], si ribellarono ancora una volta i [[Vasconi]], per cui l'esercito dei Franchi fu radunato sulle sponde della Loira. Spaventati di ciò i Vasconi chiesero la pace<ref name=Fre>{{la}} [http://www.thelatinlibrary.com/fredegarius.html#ES ''Fredegarii scholastici chronicum continuatum'', Pars tertia, auctore anonymo austraso, CXIV]</ref>.<br>Nel [[745]], Teobaldo, figlio di Godfrid, duca degli Alemanni si ribellò<ref name=mett/>, che fu sconfitto da suo fratello, Pipino<ref name=Sigebert/><ref name=Ludovi/>.
491 193

contributi