Differenze tra le versioni di "Mario Farinella"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  7 anni fa
m
Bot: Specificità dei wikilink
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
m (Bot: Specificità dei wikilink)
Pur essendo un intellettuale vicino al [[Partito Comunista Italiano|PCI]], la formazione cattolica di Farinella fu un fattore importante nella sua attività professionale, ed è proprio nella serie di articoli dedicata al [[Concilio Vaticano II]] ed alle ripercussioni che esso suscitò nel clero e nei fedeli che viene messa in risalto la professionalità e la sua levatura personale.
 
Tra i personaggi che intervista vi è la figura del Cardinale [[Ernesto Ruffini]], allora [[Arcivescovo di [[Palermo]], lo stesso che aveva in più occasioni negato che esistesse la [[mafia]], che secondo lui altro non era che una ''"invenzione dei comunisti per denigrare la Sicilia"''. Oltre al cardinale, che rappresenta la voce più autorevole della chiesa conformista e vicina al potere politico democristiano, Farinella dà spazio sulle sue colonne anche a voci diverse all'interno del cattolicesimo siciliano: sacerdoti impegnati in parrocchie di frontiera, giovani attivisti delle [[ACLI]] e della [[FUCI]], registrando le loro speranze ed il loro atteggiamento critico nei confronti delle diffuse collusioni tra le gerarchie ecclesiastiche dell'isola ed il potere politico democristiano.
 
== Il lavoro di cronista ==
494 564

contributi