Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
 
Data la sua importanza, Karo è noto anche come '''HaMechaber''' ([[ebraico]]: ''"L'Autore"'') e come '''Maran''' ([[lingua aramaica|aramaico]]: ''"Nostro Maestro"'').<ref name=EB>[http://www.britannica.com/EBchecked/topic/312602/Joseph-ben-Ephraim-Karo Joseph ben Ephraim Karo], ''[[Encyclopædia Britannica]]''</ref>
 
==Biografia==
Karo nacque a [[Toledo]], in [[Spagna]], nel [[1488]].<ref name=EB/> Nel [[1492]], all'età di quattro anni, fu costretto a [[Decreto dell'Alhambra|lasciare la Spagna]] con la famiglia e il resto degli [[ebrei]] spagnoli a causa delle espulsioni promulgate dal [[Decreto dell'Alhambra]] e successivamente si stabilirono in [[Portogallo]].<ref>Cfr. {{cite book |first=Carsten L. |last=Wilke |title=Histoire des Juifs Portugais |location=Paris |publisher=Chandeigne |year=2007 |isbn=9782915540109 }} {{fr}}</ref> Dopo le espulsioni del Portogallo nel [[1497]], i [[Impero Ottomano|turchi]] invitarono gli esuli ebrei a stabilirsi nei territori ottomani e Karo andò coi suoi genitori a [[Nicopoli]] dell'[[Impero Ottomano]] e passò il resto della vita entro i confini di questo Impero. A Nicopoli ricevette i primi insegnamenti da suo padre, che era egli stesso un eminente [[talmud]]ista. Karo sposò prima la figlia di Isaac Saba e, dopo la sua morte, la figlia di Hayyim Albalag, entrambi i padri rinomati studiosi talmudisti. Dopo la morte della seconda moglie, sposò la figlia di Zechariah Sechsel (o forse Sachsel), un erudito e ricco [[esegesi ebraica|esegeta]].
 
Già da giovane Karo si guadagnò una reputazione di brillante studioso talmudico. Iniziò a scrivere una spiegazione della ''[[Mishneh Torah]]'' del [[Rambam]], intitolando la sua opera la ''Kesef Mishnah''. In essa citò e spiegò le fonti di [[Maimonide]]. Tra il [[1520]] e il [[1522]] si stabilì a [[Edirne]] e in seguito in [[Palestina]], dove arrivò verso il [[1535]], dopo essersi soffermato diversi anni a [[Salonicco]] ([[1533]]) e [[Istanbul]].<ref name=EB>
 
==Note==