Differenze tra le versioni di "Khanato di Kazan'"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Elimino tutti gli interlinks vedi Wikidata: D:Q186537)
La maggior parte del territorio era coperta da foreste e solo nel meridione si trovavano le steppe. La popolazione più presente nel sud del Khanato era quella dei [[Nogai]], popolo nomade che alle volte riconosceva la supremazia di Kaza'n ma che molto spesso razziava i terreni agricoli Tatari e Ciuvasci così come faceva nel periodo dell'Orda d'Oro. Più tardi i Nogai furono spostati forzatamente nel [[Daghestan]] e furono rimpiazzati dai [[Calmucchi]]. Durante il khanato l'area meridionale fu ripopolata da Tatari, Ciuvasci e Russi, che eressero mura difensive sul confine meridionale difese dai [[Cosacchi]] tatari.
 
Fonti russe indicano che almeno sei lingue erano utilizzate nel khanato. La prima e la più utilizzata fu senza dubbio la [[lingua tatara]], che includeva i dialetti centrali e occidentali dei tatari di Kazan'. La scrittura di opere letterarie in tataro favorì la diffusione di tale lingua nello Stato. La lingua dei Ciuvasci, anch'essa di ceppo turco come il tataro, discendeva direttamente dall'antico bulgaro ed era parlata dalle popolazioni ciuvasce. Anche il linguaggio bulgaro era ancora presente, influenzando il dialetto centrale tataro; le altre tre erano probabilmente il linguaggio dei Mari, quello dei Mordvini e dei Baschiri e quella dei [[Kipčaki|Kipciaki]], tutte di ceppo turco.
 
== Economia ==