Apri il menu principale

Modifiche

fix link
 
==Morfologia==
L'altezza di questi uccelli variava dal metro ai tre metri. Una specie recentemente scoperta, ''[[Kelenken|Kelenken guillermoi]]'' risalente al [[Miocene]] medio (15 milioni di anni fa), scoperto nel sud della [[Patagonia]] nel [[2006]], rappresenta il più grande [[cranio]] di volatile mai scoperto. È stata descritta una lunghezza di 71 [[centimetro|cm]], con un becco di 46 cm ricurvo come il rostro di un'[[Aquila (genere)|Aquila]]. Si pensa che fosse facilmente in grado di cacciare mammiferi di taglia media. Molte delle specie descritte come Phorusrhacidae erano più piccole, tra 0,6 e 0,9 metri di altezza, ma il nuovo fossile appartiene ad un uccello che probabilmente raggiungeva i tre metri di altezza. Anche se non vi è sicurezza, si crede che i più grandi uccelli del terrore fossero estremamente agili e abili corridori, in grado di raggiungere velocità di 48 [[chilometro orario|km/h]].<ref>{{Cita news|lingua=en|autore=Stefan Anitei|url=http://news.softpedia.com/news/The-Largest-Terror-Bird-38936.shtml|titolo=The Largest Terror Bird - It had the largest bird skull|pubblicazione=softpedia.com|giorno=30|mese=10|anno=2006|accesso=19 gennaio 2009}}</ref><ref>{{Cita news|lingua=en|autore=Roger Highfield|url=http://www.telegraph.co.uk/news/main.jhtml?xml=/news/2006/10/26/wfossil26.xml|titolo=Hang on to your dog: meet the vicious 10ft terror bird|pubblicazione=telegraph.co.uk|giorno=27|mese=10|anno=2006|accesso=19 gennaio 2009}}</ref><ref>{{Cita news|lingua=en|autore=Christopher Joyce|url=http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=6381194|titolo=Huge 'Terror Bird' Fossil Discovered in Patagonia|pubblicazione=npr.org|giorno=27|mese=10|anno=2006|accesso=19 gennaio 2009}}</ref>
 
{{citazione necessaria|Un tempo alcuni paleontologi ipotizzarono che le ali di questi terrificanti animali si fossero evolute, almeno in alcune specie, in strutture simili a ganci da macellaio, che potevano essere utilizzati come vere e proprie braccia per afferrare e abbattere le prede. Ma tutte le scoperte successive smentirono questa ipotesi}}.