Differenze tra le versioni di "Questore (storia romana)"

 
I ''quaestores Caesaris'' rappresentavano l'imperatore in senato. Svolgevano normalmente anche incarichi di riscossione dei tributi allo Stato e venivano nominati a capo delle commissioni per il censimento degli abitanti nelle province romane. Successivamente al periodo costantiniano, il ''[[quaestor sacri palatii]]'', ministro della giustizia, redigeva il testo delle leggi imperiali.
 
==Note==
{{references|2}}
 
== Bibliografia ==
* H.H.Scullard, ''Storia del mondo romano (753 a.C.-68 d.C.), vol. II, p.271, Milano 1992.
 
== Voci correlate ==