Apri il menu principale

Modifiche

m
|didascalia = Grosso di Pietro II Fregoso tra il [[1450]] e il [[1458]]
|carica = [[Doge della Repubblica di Genova]]
|mandatoinizio = [[8 settembre]] [[1450]]
|mandatofine = [[gennaio]] [[1458]]
|predecessore = [[Lodovico Fregoso]]
|successore = Devozione a [[Carlo VII di Francia]]
E per la positiva missione appenninica fu ancora Pietro II Fregoso, ora luogotenente del doge, a capo della nuova guerra di Genova contro il confinante [[Marchesato del Finale]] del "nemico" dei Fregoso: il marchese Galeotto Del Carretto. Approvata la causa bellica dal Gran Consiglio della Repubblica il 15 novembre 1447, le truppe genovesi entrarono nel territorio finalese assediando e conquistando gli importanti siti di [[Castelfranco]], [[Giustenice]] e [[Castel Gavone]] dove fu ferito in uno scontro; tuttavia, la definitiva sottomissione del marchesato avvenne solamente il 25 maggio [[1449]] sotto il dogato di [[Lodovico Fregoso]].
 
E fu proprio il cugino Lodovico ad essere nominato dal consiglio elettore quale successore di suo fratello Giano I nel dicembre [[1448]], una scelta che possibilmente e concretamente avrebbe potuto anche premiare lo stesso Pietro II Fregoso per le sue qualità militari e diplomatiche dimostrate sul campo. Nonostante un rapporto simil distaccato o indifferente verso il nuovo doge, non certo eguale alla strettissima confidenza e vicinanza che ebbe invece con il defunto Giano, Pietro Fregoso fu ancora supremo comandante militare. Tuttavia la scalata alla massima carica dello stato sarebbe avvenuta circa due anni dopo quando, con la caduta dei consensi popolari verso Lodovico Fregoso per una serie di vicissitudini (gestione della [[Corsica]], [[pestilenza]] e attacchi della marineria catalana), egli stesso di fatto favorì la deposizione del parente doge con l'aiuto di un altro esponente della famiglia: Nicolò Fregoso. Rifiutata la carica il vecchio zio Tomaso Fregoso quest'ultimo propose al consiglio il nome del nipote Pietro che, con 317 voti a favore (gli stessi di Giano I), fu nominato trentatreesimo doge della Repubblica di Genova l'[[8 settembre]] del [[1450]]; Nicolò Fregoso prese invece il suo posto nella carica di capitano generale.
 
=== Il dogato ===
 
{{Box successione|carica=[[Dogi della Repubblica di Genova|Doge di Genova]]
|periodo= [[8 settembre]] [[1450]] - [[gennaio]] [[1458]]
|precedente=[[Lodovico Fregoso]]
|successivo=Devozione a [[Carlo VII di Francia]]
2 736 261

contributi