Differenze tra le versioni di "Spetses"

6 byte rimossi ,  7 anni fa
m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (→‎Altri progetti: Bot: inserimento collegamento a Wikivoyage in {{Interprogetto}}, replaced: {{interprogetto|commons=Category:Spetses}} → {{interprogetto|commons=Category:Spetses|voy using AWB)
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
|Didascalia mappa =
|Sito = http://www.spetses.gr
}}
'''Spetses''' (in [[lingua italiana|italiano]] ''Velvina'', in [[Lingua greca|greco]] ''Σπέτσες'') è un'isola della [[Grecia]], situata a circa 35 [[Miglio nautico|miglia nautiche]] dal porto del [[Pireo]], che fa parte delle isole del golfo di [[Saronico]] o ''isole saroniche'' (le altre sono [[Egina (isola)|Egina]], [[Idra (isola)|Idra]], [[Poros (Attica)|Poro]] e [[Salamina (isola)|Salamina]]). Dal punto di vista amministrativo è un comune nella periferia dell'[[Attica (periferia)|Attica]] ([[unità periferiche della Grecia|unità periferica]] delle [[Isole (unità periferica)|Isole]]) con 3.916 abitanti al censimento [[2001]]<ref>{{cita web|url=http://www.ypes.gr/UserFiles/f0ff9297-f516-40ff-a70e-eca84e2ec9b9/D_diairesi.xls|titolo=Censimento 2001|accesso=4 aprile 2011}}</ref>
 
L'isola, già abitata in [[Civiltà micenea|epoca micenea]] (sull'isola si trovano vestigia archeologiche risalenti fino al [[2000 a.C.]]), deriva il nome attuale (precedentemente era nota come ''Pityoussa'' prima e ''Petses'', poi) da "isola delle spezie", espressione coniata dai [[Repubblica di Venezia|Veneziani]] (che la controllarono dal [[XIII secolo|XIII]] al [[XV secolo]]) in riferimento al gran numero di [[pianta aromatica|piante aromatiche]] che vi crescono.
 
Dal [[1821]] al [[1822]] Spetses ebbe un ruolo importante nella [[guerra d'indipendenza greca]] combattuta contro l'[[Impero Ottomano]]: l'[[8 settembre]] del 1822 i turchi, che volevano incendiare la base navale presente sull'isola ed imporre così la loro egemonia marittima sul quel tratto dell'[[Mar Egeo|Egeo]] subirono, nonostante la disparità delle forze in campo, la sconfitta della loro flotta grazie all'azione dell'eroina spetsiota [[Laskarina Bouboulina]], temeraria "capitana" che mise tutti i suoi averi a servizio della patria greca combattendo i Turchi in prima persona. La sua statua domina la piazzola vicino il porto di Dapià, nella quale ogni anno si celebra la "festa dell'armata" e i suoi resti si trovano esposti nel locale museo.
 
== Amministrazione ==
 
== Note ==
<references/>
 
== Altri progetti ==
2 953 159

contributi