Differenze tra le versioni di "Consiglio della Corona di Svezia"

nessun oggetto della modifica
{{Avvisounicode}}
Il '''Consiglio della Corona di Svezia''' o '''Consiglio del Regno''' (in svedese ''[[Riksråd]]'' sino al 1687; talvolta latinizzato come ''Senatus Regni Sueciae'') era composto in origine da [[Nobiltà|nobili]], [[Borghesia|borghesi]] e [[Ordine religioso|religiosi]], che il [[re]] haaveva ritenuto utili per servire come [[Consigliere|consiglieri]]. La [[costituzione]] del 1634 prevedeva che il re dovevadovesse avvalersi di un Consiglio, madi cui era libero di scegliere coloroi che riteneva adatti per il servizio,membri tra quelli come luigli svedesiSvedesi di nascita. In particolare da [[Gustav Vasa]] in poi, erano più importanti i consiglieri nominati dal monarca che gli altri componenti più autonomi.
 
Alla instaurazione dell'[[Monarchia assoluta|assolutismo]], [[Carlo XI di Svezia|Carlo XI]] aveva un organismo equivalente denominato come ''kungligt råd'', Consiglio reale. Nell'[[Epoca della libertà svedese]]<ref> dalla morte di [[Carlo XII di Svezia]] nel 1718 al colpo di stato di [[Gustavo III di Svezia]] nel 1772.</ref>, è stato riutilizzato il nome medievale, ma dopo la rivoluzione incruenta del re [[Gustavo III di Svezia|Gustavo III]], la vecchia istituzione era praticamente abolita, ed egli istituì al suo posto il ''statsråd'' (Consiglio di Stato), organo piuttosto simile, ma aggirando la costituzione allora in vigore. Nella Costituzione del 1809, lo ''statsråd'' divenne il gabinetto di governo costituzionale. A partire dal XIX secolo il Consiglio è stato gradualmente trasformato in un gabinetto di ministri guidati da un presidente del Consiglio che agisce in modo indipendente dal monarca. Con la costituzione del 1975, il consiglio è stato abolito e sostituito dal ''regeringen'', che ha formalizzato la completa separazione dal sovrano. Tuttavia, i membri del gabinetto svedese sono ancora denominati come "Statsråd" o "Consiglieri di Stato".
2 784

contributi