Differenze tra le versioni di "Pianico"

tuttora
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
(tuttora)
Il territorio, dopo essere passato sotto la dominazione [[Longobardi|longobarda]] prima, e del [[Sacro Romano Impero]] poi, fu ceduto al vescovo della città di Bergamo come riconoscimento dei favori compiuti in sede dei trattati di pace, con un editto redatto nel [[1168]].
 
I secoli seguenti, in pieno periodo [[Medioevo|medievale]], videro il paese al centro delle dispute fratricide tra [[guelfi e ghibellini]]. A tal periodo risale un castello, di cui ora si sono perse le tracce, di proprietà della famiglia Foresti. Attorno a questa fortificazione venne costruito il paese, che tutt'oratuttora ricorda un borgo medievale. Gli scontri ebbero il loro apice nel corso del [[XIV secolo]], e terminarono soltanto con l'annessione del territorio alla [[Repubblica di Venezia]].
 
Con il declino della famiglia Foresti, anche il paese subì un drastico ridimensionamento, e nei secoli successivi seguì le sorti del resto della provincia di Bergamo.