Differenze tra le versioni di "Carta Atlantica"

m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
[[File:Atlanticcharter2.gif|thumb|right|150px|Le correzioni di [[Winston Churchill]] sulla stesura finale della Carta Atlantica.]]
La '''Carta Atlantica''', fu un atto diplomatico sottoscritto dal [[presidente degli Stati Uniti]] [[Franklin D. Roosevelt]] e il [[primo ministro britannico]] [[Winston Churchill]] il [[14 agosto]] del [[1941]] a bordo della [[nave da battaglia]] ''[[HMS Prince of Wales (53)|Prince of Wales]]'' ancorata nella Baia di [[Terranova]], fra le [[Alleati della seconda guerra mondiale|potenze alleate]], che prevedeva l'enunciazione di alcuni principi per il futuro ordine mondiale: divieto di espansioni territoriali, [[Autodeterminazione dei popoli|autodeterminazione]] interna ed esterna, [[democrazia]], pace intesa come libertà dal timore e dal bisogno, rinuncia all'uso della forza, sistema di sicurezza generale che permettesse il disarmo.
Riprendeva i "[[Quattordici punti]]" di [[Thomas Woodrow Wilson|Wilson]] ed affermava la libertà di commercio e di navigazione e il diritto dei popoli a vivere "[...] liberi dal timore e dal bisogno".
Essa fu il seme della nascita dell'[[Organizzazione delle Nazioni Unite|ONU]] ed era coerente con la [[Dottrina Stimson]], dichiarazione di generale rifiuto delle acquisizioni territoriali ottenute con l'uso della forza, e con la [[Dichiarazione di Welles]], emessa nel caso particolare dell'[[occupazione sovietica delle repubbliche baltiche]].
 
== Storia ==
[[File:Prince of Wales-5.jpg|thumb|left|300px|Roosevelt e Churchill a bordo della ''Prince of Wales'']]
Dopo l'approvazione da parte del [[Congresso degli Stati Uniti d'America|Congresso]] del ''Lend-lease act'' (la [[Lend Lease|Legge affitti e prestiti]]), il presidente degli [[Stati Uniti d'America]] [[Franklin D. Roosevelt]] e il [[Primi ministri del Regno Unito|Primo ministro]] britannico [[Winston Churchill]], che non si erano mai conosciuti personalmente prima, decidono di incontrarsi, nell'ambito delle trattattive per l'attuazione della legge che permetteva al presidente statunitense di «vendere, affittare o prestare» ai britannici armamenti o materie prime necessarie per il sostentamento di uno stato giudicato un pilastro per la sicurezza degli [[Stati Uniti]].
L'incontro avvenne il [[12 agosto|12]] e [[13 agosto]] [[1941]], nelle acque di [[Terranova]], precisamente ad Argentia, nella baia di Placentia Bay, a bordo dell'[[incrociatore]] ''Augusta''. I due statisti, dopo aver condotto i negoziati in merito all'attuazione del ''lend-lease act'', decisero di dare carattere formale alla ''special relationship'' che li legava.
 
Nacque in tal modo la Carta Atlantica, resa pubblica il [[14 agosto]]. Si trattava di un accordo riservato alle due potenze [[anglosassoni]] contenente alcune enunciazioni riguardanti i principi secondo i quali i due interlocutori anticipavano la condizione futura delle relazioni internazionali. La Carta fu divisa in diversi punti.
Nella prima parte si affermava che i firmatari non cercavano ingrandimenti territoriali e non desideravano alcun mutamento [[geopolitico]] contrario ai desideri ed alle aspirazioni dei popoli. Successivamente si passava alla dichiarazione di voler "[...] vedere i diritti sovrani e i diritti all'autogoverno resi a tutti coloro che ne erano stati privati con la forza [...]". Si concludeva con l'auspicio che "[...] dopo la distruzione finale della tirannia [[nazismo|nazista]] [...]" potesse sorgere una condizione mondiale dominata da pace e stabilità, obiettivi raggiungibili solo ed esclusivamente attraverso l'abbandono delle azioni belliche come strumento di risoluzione delle controversie tra le nazioni.
 
2 953 159

contributi