Differenze tra le versioni di "Legge 28 gennaio 1977, n. 10"

m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (ortografia)
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
{{L|diritto|giugno 2010}}{{F|diritto|settembre 2008}}
La '''Concessione edilizia''' era un'[[autorizzazione (diritto)|autorizzazione amministrativa]], rilasciata ai sensi della legge [[28 gennaio]] [[1977]] n. 10, (la cosiddetta ''legge Bucalossi'') da parte dell'autorità comunale, che consentiva l'attività di trasformazione [[urbanistica]] ed [[edilizia]] del territorio, in conformità agli strumenti di pianificazione [[urbanistica]].
In seguito alla legge 127/1997 (Bassanini bis), il potere di rilasciare autorizzazioni e concessioni è passato dalla figura del [[sindaco]] a quella dei funzionari comunali con qualifica dirigenziale.
 
== Caratteristiche ==
La concessione edilizia era un provvedimento a titolo oneroso (gli oneri sono quelli relativi all'urbanizzazione primaria, secondaria e un contributo proporzionale al valore della costruzione, deliberato dal Consiglio Comunale).
 
== Procedimento ==
*L 17/8/42 n. 1150 e succ. mod.
*L 28/1/77 n. 10.
*L.R. [[5 dicembre]] [[1977]] n. 56 e succ. mod.
*L.R. [[2 maggio]] [[1986]] n. 18.
*L 10/77 art. 1.
*L.R. 56/77, art. 48 e seg. e 56.
*L.R. [[2 maggio]] [[1986]] n. 18, art. 17.
 
==Altri progetti==
3 237 714

contributi