Differenze tra le versioni di "Sanpei Shirato"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  7 anni fa
m
ortografia
(Bot: importazione dei codici di {{Controllo di autorità}} da de:Sampei Shirato; vedi Progetto:Coordinamento/Bibliografia e fonti.)
m (ortografia)
 
== Stile ==
Da un punto di vista grafico,lo stile di Sampei Shirato, influenzato dalla pittura del padre, risulta diverso dal quello del maggiore autore a lui contemporaneo, ovvero [[Osamu Tezuka]]. Questi aveva uno stile ancora "disneyano", ovvero molto tondeggiante, mentre Shirato partorisce un tratto ruvido e adulto, apparentemente grezzo ma conforme alle tematiche trattate. Realismo innanzitutto, questo era il motto non solo suo, ma in generaligenerale degli autori di [[Gekiga|''gekiga'']]. Shirato mostra però subito un'irresistibile capacità di resa della dinamicità: le sue tavole e il suo tratto agile - forse grazie all'esperienza accumulata con la pratica del kamishibai - creano spesso l'illusione cinetica. Scenari ariosi e corpi plastici contribuiscono non poco a rendere perfettamente l'idea del movimento, come pochi altri autori sono in grado di fare.<br />
Per quanto concerne i temi, come detto, Shirato si dedica quasi esclusivamente al mondo dei [[ninja]]. Le storie di Sampei Shirato narrano ingiustizie e prevaricazioni sociali, in auge tanto nel Medioevo quanto a i giorni in cui scriveva. Accanto a questa produzione maggioritaria, comunque, trovavano spazio anche temi naturalistici e attinti dall'universo del mito e della fiaba.
 
436 053

contributi