Apri il menu principale

Modifiche

m
| didascalia =
| luogo_nascita = [[Torino]]
| data_nascita = [[22 giugno]] [[1897]]
| luogo_morte = [[Torino]]
| data_morte = [[8 agosto]] [[1960]]
| titolo =
| professione =
Nel [[1913]] iniziò a frequentare le organizzazioni giovanili [[socialismo|socialiste]], e nel [[1915]] si iscrisse al [[Partito Socialista Italiano|PSI]]. Nello stesso anno fu arrestato per aver partecipato ad una manifestazione contro la partecipazione dell'[[Italia]] alla [[Prima guerra mondiale|guerra]]. Nel [[1917]] fu arrestato nuovamente e scontò 18 mesi di carcere, dopo i quali riprese l'attività politica diventando un importante dirigente della sezione socialista torinese e della [[FIOM]]. Nel [[1920]] aderì alla [[comunismo|frazione comunista]] del PSI e nel [[1921]] fu tra i fondatori del [[Partito Comunista d'Italia]]. Sempre nel 1921 divenne redattore del quotidiano ''[[L'Ordine Nuovo]]'' e fu inviato a [[Mosca]] come membro della delegazione italiana al [[III Congresso dell'Internazionale Comunista]].
 
Scampato alla [[strage di Torino (1922)|strage di Torino]] del [[18 dicembre]] [[1922]], nel [[1923]] divenne segretario regionale del PCd'I del [[Lazio]]. Successivamente fu destinato alla direzione della sezione giovanile della [[Lombardia]], ma fu arrestato subito dopo il suo arrivo a [[Milano]], nell'ottobre 1923. Fu scarcerato dopo quattro mesi e sposò Anna Maria Favero, da cui nel [[1925]] ebbe il figlio Franco.
 
Dopo aver lavorato all<nowiki>'</nowiki>''[[L'Unità|Unità]]'' a Milano, tornò a Torino come corrispondente dello stesso giornale e come segretario del partito per [[Piemonte]] e [[Liguria]]. Per sfuggire all'ennesimo arresto, nel [[1926]] riparò in [[Francia]]. Quando fu espulso dal paese transalpino si recò a [[Bruxelles]], dove rimase brevemente prima di far ritorno a [[Parigi]] nel febbraio del [[1929]].
2 565 321

contributi