Differenze tra le versioni di "Delroy Wilson"

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: rimozione campi VIAF, LCCN migrati a Wikidata: d:Q2733812)
m
La sua voce migliora quando Wilson lascia l'adolescenza e passa dallo ska al [[rocksteady]], nella seconda metà degli [[anni 1960|anni sessanta]] registra una serie di canzoni, tra i primi singoli rocksteady della storia, tra i quali troviamo ''Dancing Mood'', ''Jerk in Time'' (con i [[The Wailers]]), ''Feel Good All Over'', ''I'm Not a King'', ''True Believer in Love'', ''Rain From the Skies'', ''Conquer Me'' e ''Riding For A Fall''. Dopo aver lasciato lo [[Studio One]] di Dodd registra per diversi produttori con vari gradi di successo. Raggiunge un buon successo lavorando con [[Bunny Lee]] tra la fine degli [[anni 1960|anni sessanta]] e l'inizio degli [[anni 1970|anni settanta]] con brani come ''This Old Heart of Mine'', ''Footsteps of Another Man'', e ''Better Must Come'' tanto che il suo doppio [[A-side]] ''It Hurts''/''Put Yourself in My Place'' diventa molto amato dagli [[skinhead]] e registra un buon successo nel [[Regno Unito]]. In quel periodo registra anche una versione di ''Run Run'', che inizialmente aveva concesso a Dodd, per il produttore [[Keith Hudson]]<ref name=Guide>{{cita libro | cognome=Dalton | nome=Peter | titolo=The Rough Guide To Reggae, 3rd edn | editore=Rough Guides | città= | anno=2004 }}</ref>. Nel 1970 Wilson gira il [[Regno Unito]] in tour e lì registra alcune canzoni per la [[Trojan Records]]<ref name=AllMusic/>.
 
Nel 1972 il [[People's National Party]] del primo ministro giamaicano [[Michael Manley]] sceglie la canzone di Wilson ''Better Must Come'' comequale canzone ufficiale della campagna elettorale<ref name=Ency/>. Lo stesso anno pubblica ''Cool Operator'', la sua canzone più famosa che gli darà anche il soprannome. Negli anni seguenti torna a lavorare con molti produttori, tra cui [[Joe Gibbs]], [[Gussie Clarke]], [[Winston "Niney" Holness]], [[Harry J]], e [[Joseph Hoo Kim]]<ref name=Ency/>.
 
Nel 1976 per il produttore [[Lloyd Charmers]] ''I'm Still Waiting'', una cover dei [[The Wailers]], seguita dall'album ''Sarge'', considerato uno dei migliori tra quelli nella sua discografia<ref name=Guide/>. La sua carriera continua positivamente per un po', fino a cominciare il declino all'inizio degli [[anni 1980|anni ottanta]]. Continua a cantare canzoni anche nell'era digitale, ma i suoi successi principali sono sicuramente risalenti agli anni 60 e 70.