Differenze tra le versioni di "Grano (moneta)"

→‎Sicilia: non ha senso due volte 36
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
(→‎Sicilia: non ha senso due volte 36)
Ferdinando III fece battere le monete da 10, 5, 2 ed 1 grano. L'indicazione del valore in alcuni casi è indicata con la lettera '''G.''' e negli altri con il plurale <small>GRANI</small>.<ref name= Montenegro/>
 
Con l'unificazione la monetazione separata per la Sicilia ebbe termine con l'eccezione di una breve emissione di [[Ferdinando II delle Due Sicilie]], nipote del precedente, nel 1836-36: furono coniati monete in rame da <small>DIECI, CINQUE, DUE GRANI SICILIANI</small>, da <small>UN</small> e da <small>MEZZO GRANO SICILIANO</small>.<ref name= Montenegro/> Queste monete in realtà avevano lo stesso valore dei corrispondenti tornesi di Napoli. Le monete furono coniate a Palermo.<ref>Gigante: Monete...</ref>
 
Queste furono le ultime monete con questa denominazione coniate nell'isola.