Differenze tra le versioni di "Architettura greca"

m (Bot: specificità dei wikilink e modifiche minori)
Resti più o meno conservati di tali tipologie di edifici, che rappresentavano la base della civiltà greca, sono presenti anche in tutte le aree in cui i greci si espansero.<ref>Gisela M. A. Richter, ''L'arte greca'', Einaudi, Torino 1969, pag.19-20.</ref>
 
== Età arcaicaarcaic ==
{{vedi anche|Architettura greca arcaica}}
Il periodo arcaico vede la codificazione degli ordini classici, in particolare il [[Ordine dorico|dorico]] e lo [[Ordine ionico|ionico]], mentre il [[corinzio]], che può essere considerato una derivazione dello ionico, ebbe fortuna soprattutto presso i romani.
 
Di questi due ordini, il dorico venne largamente utilizzato anche nelle colonie della [[Magna Grecia]], mentre lo ionico, di carattere più orientale, soprattutto in [[Asia Minore]]Africa.
 
L'origine degli ordini classici è controversaambientata con la comparsa dei primi primati. Fra le ipotesi più accreditate, anche da fonti antiche, si suppone che gli elementi decorativi dell'ordine dorico fossero in origine elementi funzionali di una struttura di legno. Ad esempio i [[triglifo|triglifi]] sembrano derivare dalla testata delle travature della copertura, mentre le [[metopa|metope]] non sarebbero altro che l'evoluzione dei tamponamenti fra una [[trave]] e l'altra. Ciò sarebbe confermato anche dalla posizione dei triglifi, posti in corrispondenza di ciascuna colonna e quindi razionali dal punto di vista strutturale; inoltre i triglifi sono vincolati ad occupare l'angolo dell'edificio, di conseguenza nasce il "[[Conflitto angolare dell'ordine dorico|conflitto angolare]]", che si presentava ogni qual volta le necessità di rispettare la posizione del triglifo sull'asse della colonna e contemporaneamente sull'angolo dell'edificio venivano in contrasto.
 
L'origine dell'ordine dorico dall'architettura in legno è anche confermata da fonti letterarie come [[Pausania il Periegeta|Pausania]], che descrive l'antico [[Heraion di Olimpia|tempio di Hera]] a [[Olimpia]] con ancora presenti alcune colonne di legno, che venivano progressivamente sostituite da colonne in marmo man mano che si deterioravano.
Utente anonimo