Differenze tra le versioni di "Patagonia"

m
L'interesse per quella regione fu alimentato dai racconti di [[Pigafetta]], nei quali si descriveva l'incontro con gli abitanti locali, che sosteneva misurassero circa 9-12 piedi di altezza -''…così alto che abbiamo raggiunto soltanto la sua cintola''-; da cui l'idea successiva che il termine Patagonia significasse ''terra dei giganti''. Questa presunta esistenza dei giganti ''Patagoniani'' o di ''Patagoni'' si è infiltrata nella percezione europea comune di questa regione poco nota e distante, che fu alimentata ulteriormente dai rapporti successivi di altri esploratori e viaggiatori famosi come sir [[Francis Drake]], che sembrò confermare queste voci. Le mappe del nuovo mondo a volte hanno riportato in legenda il termine ''regio gigantum'' (''regione dei giganti''), riferita alla Patagonia. Il concetto e la credenza popolare hanno persistito per i 250 anni successivi e furono rinvigoriti nel 1767, dopo una pubblicazione da parte di un ufficiale anonimo del commodoro [[John Byron]] dal titolo ''Viaggio recente di circumnavigazione globale dell'HMS Dolphin''. Byron ed il suo equipaggio navigarono per un certo tempo lungo le coste della Patagonia e la pubblicazione sembra dare prova dell'esistenza di questi giganti; la pubblicazione si è trasformata in un best-seller e migliaia di copie furono vendute. Anche altre pubblicazioni precedenti sulla regione furono ristampate frettolosamente (persino quelle in cui non si accennava affatto all'esistenza dei giganti).
 
Tuttavia, la mania del gigante patagoniano finì alcuni anni dopo, quando furono redatte alcune pubblicazioni più serie. [[John Hawkesworth]], nel 1773, pubblicò per conto del Ministero della marina un compendio sui possedimenti inglesi nel sud, nel quale erano raccolte pubblicazioni, comprese quelle di [[James Cook]] e di [[John Byron]]. Da questa pubblicazione, ricavata dai loro diari ufficiali, fu evidenziato che l'equipaggio di Byron incontrò persone non più alte di due metri; alti forse ma non giganti. L'interesse presto si abbassò, anche se la consapevolezza e la credenza nel mito hanno persistito persino nel ventesimo secolo<ref>{{Cita web | autore=Carolyne Ryan| titolo=European Travel Writings and the Patagonian giants | opera=Lawrence University | url=http://www.lawrence.edu/news/pubs/lt/fall04/giants.shtml | accesso=15 agosto 2005 | dateformat=mdy }}</ref>.
 
=== Le esplorazioni scientifiche (1764-1842) ===
550 442

contributi