Differenze tra le versioni di "Hajime Sugiyama"

1 426 byte aggiunti ,  7 anni fa
iniziato lavoro di rifacitura in base alle fonti
m (aggiunti e corretti coll. esterni)
(iniziato lavoro di rifacitura in base alle fonti)
{{Infobox militare
|Nome = Hajime Sugiyama
|Immagine = [[File:Sugiyama Hajime1.jpg|250px]]
|Didascalia = Il generale Sugiyama nel 1944
|Soprannome =
|Data_di_nascita = [[1º gennaio]] [[1880]]
|Nato_a = [[Kitakyūshū|Kokura]], [[prefettura di [[Fukuoka]]
|Data_di_morte = [[12 settembre]] [[1945]]
|Morto_a = [[Tokyo]]
|Cause_della_morte = Suicidiosuicidio
|Luogo_di_sepoltura =
|Nazione_servita = {{bandieraBandiera|JPN}} [[Impero giapponese]]
|Forza-ArmataForza_armata = [[File:ArmyWar Ensigneflag of Japanthe Imperial Japanese Army.svg|20px]] [[Dai-Nippon Teikoku Rikugun|Esercito imperiale giapponese]]
|Arma = [[fanteria]]
|Corpo =
|Specialità =
|Unità =
|Reparto =
|Anni_di_servizio = [[1901]] - [[1945]]
|Grado = generale, [[Gensui|maresciallo di campocampale]]
|Ferite =
|Comandanti =
|Guerre = [[Guerra russo-giapponese]] <br /> [[Seconda guerra sino-giapponese]] <br /> [[Seconda guerra mondiale]]<br/>[[Guerra del Pacifico (1941-1945)|Guerra del Pacifico]]
|Campagne =
|Battaglie =
|Comandante_di = Esercito giapponese della Cina del Nord, Armata del Primo Teatro
|Decorazioni = Ordine del Sol Levante, Ordine del Nibbio d'Oro
|Studi_militari =
|Pubblicazioni =
|Frase_celebre =
|Frase_celebri=
|Altro_lavoro =
|Altro_campo =
|Altro =
|Note =
|Ref = note nel corpo del testo
|Ref=
}}
{{Bio
|Nome= Hajime
|Cognome= Sugiyama
|PostCognomeVirgola= indicato in talune fonti come '''Sugiyama Gen'''
|Sesso= M
|LuogoNascita= Kokura
|LuogoNascitaLink= Kokura
|GiornoMeseNascita= 1 gennaio
|AnnoNascita= 1880
|LuogoMorte= Tokyo
|LuogoMorteLink= tokyo
|GiornoMeseMorte= 12 settembre
|AnnoMorte= 1945
|}}
 
Rivestì numerose cariche all'interno degli uffici e dei diaprtimenti del Ministero della Guerra nipponico, arrivando alla carica di Ministro dello stesso nel 1936. Capo di Stato Maggiore dell'esercito imperiale dal 1940, Sugiyama fu favorevole alla guerra contro le potenze occidentali: inizialmente vittoriosa, la [[Guerra del Pacifico (1941-1945)|guerra sul fronte del Pacifico]] divenne sempre più costosa e avara di successi giapponesi, tanto che il Primo ministro [[Hideki Tojo]] lo destituì all'inizio del 1944. Sugiyama fu comunque richiamato già a luglio e nominato Ministro della Guerra, poi comandante supremo di un gruppo d'armate vicino Tokyo incaricato di respingere possibili sbarchi statunitensi. Dieci giorni dopo la resa senza condizioni del [[Giappone]], il generale Sugiyama si uccise con la propria pistola.
Egli era di origini nobili in quanto la sua famiglia faceva parte della casta dei ''Samurai''. Comandò le truppe imperiali durante i primi anni della guerra in Cina e divenne Capo di Stato Maggiore dell'esercito, fino a quando fu rimosso dal Primo Ministro [[Hideki Tojo|Tojo]]. Messo a capo delle forze per respingere un ipotetico sbarco statunitense sul suolo metrpolitano, si uccise poco dopo la resa senza condizioni del [[Giappone]].
 
==Primi anniBiografia ==
=== Primi anni ===
Entrato nel neocostituito [[Dai-Nippon Teikoku Rikugun]], le forze armate imperiali, Sugiyama combatté con il grado di [[tenente]] durante la guerra contro la Russia zarista; successivamente frequentò l'Accademia dell'Esercito Imperiale giapponese dove si diplomò nel [[1910]]. Due anni dopo fu inviato prima nelle [[Filippine]] poi a [[Singapore]] come addetto militare e, promosso [[maggiore]] nel 1913, andò in [[India]] dove rimase cinque anni: al ritorno in partia nel [[1918]] ricevette la nomina a [[tenente colonnello]].
Nel 1901 Sugiyama ottenne il brevetto da [[sottotenente]] per l'arma della [[fanteria]] dell'[[Dai-Nippon Teikoku Rikugun|esercito imperiale giapponese]] e per i successivi nove anni frequentò il Collegio dello Stato Maggiore dell'Esercito, diplomandosi nel 1910. Fu inviato a [[Singapore]] e in [[India]], al tempo parte dell'[[Impero britannico]], come osservatore militare.<ref name="kgbudge.com">{{cita web|http://pwencycl.kgbudge.com/S/u/Sugiyama_Gen.htm|Informazioni biografiche e di carriera|23 settembre 2013}}</ref>
 
Entrato nel neocostituito [[Dai-Nippon Teikoku Rikugun]], le forze armate imperiali,{{senza fonte|Sugiyama combatté con il grado di [[tenente]] durante la guerra contro la Russia zarista; successivamente frequentò l'Accademia dell'Esercito Imperiale giapponese dove si diplomò nel [[1910]]. Due anni dopo fu inviato prima nelle [[Filippine]] poi a [[Singapore]] come addetto militare e, promosso [[maggiore]] nel 1913, andò in [[India]] dove rimase cinque anni: al ritorno in partia nel [[1918]] ricevette la nomina a [[tenente colonnello]].}}
==Tra le due guerre==
Nel dicembre dello stesso anno fu posto a capo di una delle prime formazioni aeree giapponesi, il 2º battaglione aereo, per la sua esperienza accumulata nel pilotare velivoli tedeschi durante gli [[Anni 1910|anni dieci]] e per il forte sostegno che aveva sempre dato al progetto di creare un'arma aerea in [[Giappone]] La sua professionalità fu compensata dapprima nel [[1921]], quando progredì al grado di [[colonnello]], e nel periodo successivo quando divenne il primo comandante del servizio aereo dell'Esercito nipponico: l'aviazione nipponica non ebbe infatti una propria organizzazione, ma era divisa tra le forze terrestri e la [[Marina imperiale giapponese|marina]].
Nel maggio del [[1925]] fu nominato maggior generale.
 
=== Tra le due guerre ===
Nel giugno del [[1930]] divenne Viceministro della Guerra effettivo e a questa carica unì, due mesi più tardi, quella di tenente generale; nel marzo [[1933]] fu di nuovo posto a capo dell'aeronautica basata a terra. A seguito dei disordini provocati dall'[[Incidente del 26 febbraio]] [[1936]] Sugiyama fu nominato Ministro della Guerra, mentre nel novembre acquisì il grado di [[generale]].
==== Gli incarichi al Ministero ====
{{senza fonte|Nel dicembre dello stesso anno fu posto a capo di una delle prime formazioni aeree giapponesi, il 2º battaglione aereo, per la sua esperienza accumulata nel pilotare velivoli tedeschi durante gli [[Anni 1910|anni dieci]] e per il forte sostegno che aveva sempre dato al progetto di creare un'arma aerea in [[Giappone]].}} Nel 1922 fu promosso al rango di [[colonnello]] e con questo grado divenne Capo della Sezione Aeronautica dell'Ufficio Affari Militari, un dipartimento del Ministero della Guerra giapponese; l'anno seguente fu spostato, sempre con il ruolo di Capo alla Sezione Affari dell'Esercito dipendente dallo stesso Ufficio.<ref name="kgbudge.com"/> Mantenne tale incarico per due anni circa, quando nel 1925 divenne il Capo dell'Ufficio Rifornimenti, Dipartimento Aeronautico dell'Esercito; poi nel 1928, continuando a lavorare nel Ministero della Guerra, venne nominato Capo dell'Ufficio Affari Militari. Nel 1930 assunse la carica di Vice Ministro della Guerra.<ref name="kgbudge.com"/>
 
NelSugiyama giugnorivestì dell'importante [[1930]]ruolo divennefino Viceministroal della1932, Guerraquando effettivofu eposto aalla questatesta caricadella unì,12ª duedivisione mesidi piùfanteria. tardi,A quellaquesto dicomando tenenteseguì generale;la nelpromozione, marzoappena [[1933]]un fuanno dipiù nuovo postotardi, a capoCapo del Dipartimento Aeronautico dell'aeronauticaEsercito basatain aseno al Ministero.<ref terraname="kgbudge.com"/> A seguito dei disordini provocati dall'[[Incidente del 26 febbraio]] [[1936]] Sugiyama fu nominato Ministro della Guerra, mentre nel novembre acquisì il grado di [[generale]].
 
==== La seconda guerra sino-giapponese ====
Quando nel [[1937]] ebbe inizio la [[Seconda guerra sino-giapponese|guerra contro la Cina]], già sconvolta dal conflitto intestino tra [[Chiang Kai-Shek]] e [[Mao Tse Tung]], Sugiyama comandò per un breve periodo le truppe giapponesi stanziate nella Cina settentrionale: durante la riunione del Supremo Consiglio di Guerra, alla quale parteciparono l'imperatore [[Hirohito]] e numerosi militari, Sugiyama affermò che il [[Giappone]] avrebbe "''conquistato Shangai in tre giorni e la Cina in tre mesi...''". L'inopinata resistenza cinese, sebbene non avesse ottenuto grandi vittorie, lo lasciò sgradevolmente sorpreso. Egli fu sollevato dal comando e nel [[1938]] messo a capo delle guarnigioni giapponesi nel [[Mengjiang]], lo stato fantoccio creato nella Mongolia esterna; vi rimase fino al [[1939]], quando a dicembre venne eletto capo del [[Tempio Yasukuni]], il luogo dove la [[Scintoismo|religione scintoista]] vuole che trovino riposo dopo la morte i guerrieri onorevoli. Il 3 settembre [[1940]] ricevette la nomina Capo di Stato Maggiore dell'Esercito.
 
=== Seconda guerra mondiale ===
Nel frattempo le tensioni tra [[Impero giapponese]] e potenze occidentali erano andati acuendosi con l'[[Occupazione giapponese dell'Indocina|occupazione dell'Indocina]] e l'inasprimento della guerra in Cina: nel luglio del [[1941]] gli [[Stati Uniti]] con le altre nazioni decise un embargo petrolifero ai danni del [[Giappone]] per frenarne l'aggressivo espansionismo: nelle riunioni tenutesi tra i vertici militari e politici Sugiyama fu tra quei comandanti che chiesero a gran voce la guerra.
 
Inizialmente favorevole ai giapponesi, il [[Guerra del Pacifico (1941-1945)|conflitto nel Pacifico]] andò via via deteriorandosi a partire dalla seconda metà del [[1942]]. Durante la guerra Sugiyama fu investito del prestigioso titolo di maresciallo da campo nel [[1943]]; ma la pressione statunitense, sempre più insostenibile, vanificò i suoi sforzi di tenere un fronte stabile e lonatono dalla madrepatria. La [[Campagna delle Isole Marshall|perdita delle Marshall]], avvenuta agli inizi del [[1944]], lo fece esonerare dallo Stato Maggiore il 21 febbraio su ordine del Primo Ministro [[Hideki Tojo]]. Sugiyama fu relegato alla carica di Ispettore generale dell'addestramento militare. Nell'estate dello stesso anno [[Battaglia del Mar delle Filippine|la catastrofe subita a ovest delle Marianne]] e la conquista statunitense dell'arcipelago stesso indussero Tojo a rassegnare le dimissioni: Sugiyama fu richiamato e divenne Ministro della Guerra nel governo [[Kuniaki Koiso|Koiso]].
 
=== La morte ===
Nel luglio del [[1945]], dopo il rimpasto del governo avvenuto tre mesi prima, Sugiyama fu posto a capo dell'Armata del Primo Teatro bellico, dispiegata sull'isola di [[Honshu]], la principale del [[Giappone]], per respingere l'invasione alleata del territorio nazionale, ritenuta imminente da molti capi nipponici.
Ma ormai il paese era sull'orlo della disfatta più totale, e le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki precipitarono gli eventi: il 15 agosto il Giappone si arrese agli [[Alleati della seconda guerra mondiale|Alleati]], e il 2 settembre la fine della guerra fu formalizzata con la firma del documento sulla corazzata ''Missouri''.
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==