Differenze tra le versioni di "Chiesa di Santa Maria Avvocata"

nessun oggetto della modifica
|Sito =
}}
La '''chiesa di Santa Maria Avvocata''' (o '''Santa Maria della Concezione''') è una monumentale chiesa che si erge alla fine di via Avvocata a pochissimi passi da [[piazza Dante (Napoli)|piazza Dante]], nel [[Centro storico di Napoli|centro storico]] di [[Napoli]]. Il primo nome della chiesa è indicato da un cornicione prima dell'entrata: era intitolato alla Santa Congregazione degli Studenti.
==Storia e descrizione==
La struttura trae origine nel [[XVI secolo]] quando il carmelitano padre Alessandro Mollo fece costruire una chiesa con un piccolo convento. Alla fine del secolo, attorno al 1680, il cardinale [[Alfonso Gesualdo]] comprò il complesso e lo elevò a parrocchia. Fu rimaneggiata nei secoli successivi, entrando innanzitutto nel novero delle numerose chiese [[barocco napoletano|barocche]] della città: lo testimonia soprattutto la [[facciata]], decorata a stucco e di difficile attribuzione: {{citazione necessaria|alcuni documenti la riterrebbero opera di [[Dionisio Lazzari]]}}, tuttavia si è concordi nell'attribuirla ad un allievo di [[Domenico Antonio Vaccaro]].
 
Fu rimaneggiata nei secoli successivi, entrando innanzitutto nel novero delle numerose chiese [[barocco napoletano|barocche]] della città: lo testimonia soprattutto la [[facciata]], decorata a stucco e di difficile attribuzione: {{citazione necessaria|alcuni documenti la riterrebbero opera di [[Dionisio Lazzari]]}}, tuttavia si è concordi nell'attribuirla ad un allievo di [[Domenico Antonio Vaccaro]].
 
In seguito allo spostamento della sede parrocchiale nella vicina chiesa di San Domenico Soriano accolse la Congregazione degli Studenti.
 
La [[navata]], luminosa e ricca di decorazioni e festoni, è costituita da una pianta rettangolare e altare maggiore in marmi policromi. L'interno ha un'accentuata similitudine con la non lontana [[chiesa di Sant'Antonio a Tarsia]]. Sono presenti affreschi e tele di [[Vincenzo Galloppi]].
 
La chiesa è quasi sempre chiusa.
 
==Bibliografia==
* Gennaro Aspreno Galante, Guida sacra della città di Napoli, a cura di Nicola Spinosa, Società Editrice Napoletana, 1985
 
==Voci correlate==
==Altri progetti==
{{interprogetto|commons=Category:Santa Maria Avvocata}}
==Fonti<nowiki/>==
*http://www.teatini.it/index.php?option=com_content&view=article&id=87&Itemid=105
 
{{portale|architettura|cattolicesimo|Napoli}}
[[Categoria:Chiese di Napoli|Maria Avvocata, Chiesa di Santa]]