Differenze tra le versioni di "New American Cinema Group"

nessun oggetto della modifica
{{Citazione|Non vogliamo film mistificatori, ben fatti, persuasivi, ma grezzi e mal fatti, purché vitali. Siamo contro il cinema roseo, siamo per il cinema rosso sangue... Oggi la nostra ribellione contro il vecchio, l’ufficiale, il corrotto è innanzitutto di carattere etico... Siamo interessati all’uomo. Siamo interessati a quel che succede nell’uomo.|[[Jonas Mekas]]''}}
 
[[File:Jonas Mekas.jpg|thumb|200px|Il filmaker lituano [[Jonas Mekas]], uno di fondatori della [[The Film-Makers' Cooperative|New York Film-Makers' Cooperative]]]]
Il '''New American Cinema''' è un movimento di registi indipendenti di [[cinema sperimentale]], i cui membri si riunivano, fin dal 1960, sotto l'etichetta '''New American Cinema Group''' di New York, aderendo così al ''Manifesto del New American Cinema Group'' elaborato da [[Jonas Mekas]], caratterizzato da un'aperta opposizione etica ed estetica all'industria hollywoodiana e dalla volontà di creare un tessuto distributivo alternativo a quello delle ''[[major]]''<ref name=Bordwell-Thompson>David Bordwell; Kristin Thompson, ''Storia del cinema e dei film - Dal dopoguera ad oggi'', [[Editrice Il Castoro]], 1998</ref>. A tale scopo, nel 1962, il gruppo costituì la [[The Film-Makers' Cooperative|New York Film-Makers' Cooperative]]<ref name=Costa>Antonio Costa, ''Saper vedere il cinema'', Bompiani, 1985</ref>.
 
==Caratteristiche generali==
La denominazione raccoglie due principali schieramenti: i 'nuovi' indipendenti che intendono agire autonomamente sul piano produttivo ed artistico rispetto alle strangolanti leggi dell'industria culturale, e i registi della tendenza più radicalmente sperimentale che vedono nei film la realizzazione di un lavoro strettamente personale e poetico. Le opere dei primi, che comprendono ''[[The Connection]]'' (Il tramite, [[1962]]) di [[Shirley Clarke]], ''[[Pull My Daisy]]'' (Cogli la mia margherita, [[1959]], film che si avvale della collaborazione di [[Jack Kerouac]] e dell'interpretazione di [[Allen Ginsberg]], [[Peter Orlovsky]] e [[Gregory Corso]]) di [[Robert Frank]] e [[Alfred Leslie]], ''[[Guns of the Trees]]'' (I fucili degli alberi, [[1962]]) di Jonas Mekas e ''[[Hallelujah the Hill]]'' (I magnifici idioti, [[1963]]) di Jonas e [[Adolphas Mekas]], hanno una matrice realistica che si collega al [[cinema diretto]] e hanno forti legami con i principali fenomeni dell'arte contemporanea americana. Il secondo gruppo, composto da registi come [[Stan Brakhage]], [[Robert Breer]], [[Gregory Markopoulos]], [[Ron Rice]] e [[James Broughton]], si muove invece sviluppando tematiche e stili collegati alle avanguardie storiche.
 
==Storia del New American Cinema==
 
===1960: Nascita del New American Cinema===
[[File:Jonas Mekas.jpg|thumb|200px|Il filmaker lituano [[Jonas Mekas]], uno di fondatori della [[The Film-Makers' Cooperative|New York Film-Makers' Cooperative]]]]
La denominazione raccoglie due principali schieramenti: i 'nuovi' indipendenti che intendono agire autonomamente sul piano produttivo ed artistico rispetto alle strangolanti leggi dell'industria culturale, e i registi della tendenza più radicalmente sperimentale che vedono nei film la realizzazione di un lavoro strettamente personale e poetico. Le opere dei primi, che comprendono ''[[The Connection]]'' (Il tramite, [[1962]]) di [[Shirley Clarke]], ''[[Pull My Daisy]]'' (Cogli la mia margherita, [[1959]], film che si avvale della collaborazione di [[Jack Kerouac]] e dell'interpretazione di [[Allen Ginsberg]], [[Peter Orlovsky]] e [[Gregory Corso]]) di [[Robert Frank]] e [[Alfred Leslie]], ''[[Guns of the Trees]]'' (I fucili degli alberi, [[1962]]) di Jonas Mekas e ''[[Hallelujah the Hill]]'' (I magnifici idioti, [[1963]]) di Jonas e [[Adolphas Mekas]], hanno una matrice realistica che si collega al [[cinema diretto]] e hanno forti legami con i principali fenomeni dell'arte contemporanea americana. Il secondo gruppo, composto da registi come [[Stan Brakhage]], [[Robert Breer]], [[Gregory Markopoulos]], [[Ron Rice]] e [[James Broughton]], si muove invece sviluppando tematiche e stili collegati alle avanguardie storiche.
 
Più avanti si avvicinano al New American Cinema artisti come [[Andy Warhol]] e musicisti e poeti della [[Beat Generation]].
 
25 949

contributi