Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 5 anni fa
nessun oggetto della modifica
L'eidos è la natura interna della cosa: è il relativo nucleo interno ed invisibile; l'eidos è ciò che causa ad una cosa quel che è, cosa è, e senza la quale perde significato.
 
[[Platone]] pensava che le [[Essenza (filosofia)|essenze]] {{chiarire|fossero etere dei modelli a noi}} o idee. Queste idee esistono separatamente dal mondo ragionevole ed hanno caratteristiche molto differenti; queste idee sono eterne, sono specie, queste idee non possono essere toccate. Le cose del mondo ragionevole, sono le loro imitazioni o copie.
 
Il senso del pensiero di questo filosofo era idealistico, perché le cose del mondo dipendono dai modelli.
 
[[Edmund Husserl]], pensa che l'eidos sia indipendente dalla mente, {{chiarire|ma inoltre genera che l'essenza}} è oggetto intenzionale della coscienza; questo significa, secondo lui, che senza coscienza pura non c'è essenza.
 
== Bibliografia ==
* [[Friedrich Hegel]], "Scienza della logica", Laterza, 2,0082008
 
== Collegamenti esterni ==
* "[[Edmund Husserl:]], la fenomenologia"[http://www.filosofia.unina.it/tortora/sdf/Undicesimo/XI.1.html la fenomenologia"]
* "Status ontologicoBanda dellaMarroquín, Obdulio Italo, essenza"[http://sisbib.unmsm.edu.pe/bibVirtual/libros/filosofia/status_esencia/ficha.htm ''El Status ontológico de la esencia o del "qué" de la cosa''], IIPCIAL-Fondo Editorial, Lima 2007
 
{{Portale|Filosofia}}
Utente anonimo