Movimenti del potenziale umano: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Secondo tale rapporto, le psico-sette sarebbero capaci di provocare una «completa destrutturazione mentale negli adepti, conducendoli spesso alla follia e alla rovina economica», ed è principalmente su di loro che si accentrano accuse di «indebito arricchimento ai danni degli affiliati».
 
Di natura completamente diversa - orientati alla metodologia scientifica e non affiliativa - sono invece le "scuole di pensiero" che nascono su basi pedagogiche (come l'approccio al potenziale umano nell'educazione del bambino della Scuola di [[Maria Montessori]], ora diffuso su scala mondiale) o le scuole formative che si prefiggono di analizzare e documentare i fattori che incidono sulla crescita del Potenziale Umano nell'adulto in sede di formazione [[Manager|manageriale]] o professionale in età adulta. La distinzione fondamentale è individuabile in base alla letteratura proposta, e al suo grado di scientificità, ovvero al fatto che "le variabili su cui lavorare, nel potenziale umano, siano esposte in modo tale da essere sottoposte a verifica empirica, con metodo scientifico sperimentale, anziché essere porposte come verità dogmatiche cui credere ciecamente, con modalità che appartengono al mondo delle sette e non a quello della scienza"<ref>Trevisani, Daniele. ''Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance'', Franco Angeli, Milano, 2009.</ref>.
 
La differenza sostanziale tra i "movimenti" e le "scuole" può essere individuata infatti nella differenza sostanziale tra i "[[Dogma|dogmi]]" proposti dai Movimenti (affermazioni che non possono per natura essere messe in discussione o sottoposte a confutazione scientifica e sperimentale), e i "modelli operativi" esposti dalle diverse scuole di pensiero, aperti invece alla confutazione sperimentale, alla discussione, e alla variazione degli stessi sulla base della progressione nella ricerca empirica.
76

contributi