Differenze tra le versioni di "Jacob Gijsbertus Samuël van Breda"

refuso
m (Bot: rimozione campi VIAF, LCCN migrati a Wikidata: d:Q956848)
(refuso)
Nel 1822 Van Breda divenne professore di botanica, zoologia ed [[anatomia comparata]] presso l'[[Università di Gand]]. Qui egli fu a capo del locale Hortus Botanicus e nel 1825 iniziò una grande opera botanica, la '' Genera et Species Orchidearum et Asclepiadearum'' in quindici volumi, che descrive i generi di piante delle [[Indie Orientali Olandesi]] che gli erano spedite da [[Batavia]], ma fu costretto ad abbandonare questo progetto e la sua posizione nel 1830 a causa della [[rivoluzione belga]]. Nel 1825 aveva anche scritto una biografia del suo defunto suocero ''Levens-schets van Adriaan Gilles Camper''.
 
Nel 1831 Van Breda divenne professore straordinario di zoologia e geologia a [[Leida]]. Dopo la morte della moglie il 15 aprile 1834 si risposò nel 1836 con C.M. Veeren. Nel 1835 divenne professore ordinario a Leida. Come geologo Van Breda fu un seguace dell'[[Uniformitarismo]]. Nel 1839 si trasferì ad [[Haarlem]] dove fu nominato segretario della Società Olandese di Scienza e a capo delle ezionisezioni di [[paleontologia]] &e [[mineralogia]] e del Gabinetto di Fisica del [[Museo Teylers]]. In quest'ultima funzione si diede alle ricerche nel campo del [[magnetismo]] e dell'elettricità e acquistò anche molti fossili, tra cui un [[Archaeopteryx lithographica]].
 
Dal 1852 al 1855 per volontà del Primo Ministro [[Johan Rudolph Thorbecke]] fu presidente di una commissione che aveva il compito di preparare la creazione della prima mappa geologica completa dei Paesi Bassi. Dal 1826 al 1830 aveva già ottenuto una certa esperienza in questo campo quando aveva elaborato una carta geologica del Paesi Bassi meridionali (cioè l'attuale [[Belgio]]). Questo progetto invece in gran parte non arrivò a conclusione.
6 863

contributi