Yajurveda: differenze tra le versioni

51 byte aggiunti ,  8 anni fa
m
*lo Śukla Yajurveda (''Yajurveda'' bianco), più recente del Kṛṣṇa Yajurveda, detta "bianca" in virtù della distinzione effettuata sui contenuti e sul differente ordine a essi dato.<ref name=wash/>
 
===Kṛṣṇa Yajurveda===
Nel Kṛṣṇa Yajurveda troviamo tre raccolte di formule, tre ''[[Saṃhitā]]'' cioè: la ''Kaṭhaka Saṃhitā'' o ''[[Kapiṣṭhala-Kaṭha Saṃhitā]]''<ref>Vedi: ''[http://www.oxfordreference.com/view/10.1093/oi/authority.20110803100030211 Kapiṣṭhala-(Kaṭha)-Saṃhitā]'', ''Oxford Reference''.</ref>, la ''[[Maitrāyaṇi Saṃhitā]]'' e la ''[[Taittirīya Saṃhitā]]''; a quest'ultima è associato il ''[[Taittirīya Brāhmaṇa]]''; da cui il ''[[Taittirīya Āraṇyaka]]''; infine troviamo ben sei ''[[Upaniṣad]]'', tutte ben note e importanti: la ''[[Taittirīya Upaniṣad]]'', la ''[[Kaṭha Upaniṣad]]'', la ''[[Mahānārāyaṇa Upaniṣad]]''<ref>Si tratta in realtà di un'appendice alla ''Taittirīya Upaniṣad'': cfr. [[Mario Piantelli]], introduzione a ''Upaniṣad antiche e medie'', a cura e traduzione di [[Pio Filippani-Ronconi]], riveduta a cura di Antonella Serena Comba, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 2007, p. XIV.</ref>, la ''[[Maitrī Upaniṣad]]'', la ''[[Prāṇāgnihotra Upaniṣad]]'' e la ''[[Śvetāśvatara Upaniṣad]]''.<ref name=Pan1155>Raimon Panikkar, ''I Veda. Mantramañjarī'', a cura di Milena Carrara Pavan, traduzioni di Alessandra Consolaro, Jolanda Guardi, Milena Carrara Pavan, BUR, Milano, 2001, vol. II, p. 1155.</ref>
 
===Śukla Yajurveda===
Nello Śukla Yajurveda abbiamo un'unica ''Saṃhitā'', la ''[[Vājasaneyī Saṃhitā]]''; un ''Brāhmaṇa'' molto noto, il ''[[Śatapatha Brāhmaṇa]]''; un ''[[Āraṇyaka]]'', il ''[[Bṛhad Āraṇyaka]]''; e cinque ''Upaniṣad''. Le prime quattro sono: la ''[[Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad]]'' (la più antica fra le ''Upaniṣad'' canoniche), la ''[[Jābāla Upaniṣad]]'', la ''[[Paiṅgala Upaniṣad]]'' e la ''[[Sūrya Upaniṣad]]''.<ref name=Pan1155/> A queste va considerata aggiunta la ''[[Īśā Upanisad]]'', testo anch'esso molto noto, costituito dalle ultime sei strofe del primo terzo della quattordicesima sezione della ''Vājasaneyī Saṃhitā'', e che quindi è da ritenersi precedente alla ''Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad''.<ref>Cfr. [[Mario Piantelli]], introduzione a ''Upaniṣad antiche e medie'', a cura e traduzione di [[Pio Filippani-Ronconi]], riveduta a cura di Antonella Serena Comba, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 2007, p. XII.</ref>