Differenze tra le versioni di "Galina grisa"

192 byte aggiunti ,  6 anni fa
m
Bot: Sistemo note con collegamenti esterni senza titolo (documentazione)
m (Bot: Sistemo note con collegamenti esterni senza titolo (documentazione))
Nel paese di [[Romagnese]] (PV), l'unico che ha conservato un ciclo pasquale nel territorio delle [[quattro province]], si svolge la sera del [[sabato Santo]] e non all'arrivo del maggio, influenzato dall'uso di ''cantar le uova'' nella [[settimana Santa]] sulla collina [[Provincia di Alessandria|alessandrina]], probabilmente deriva dalla sovrapposizione dei due modelli, quello di ''cantar le uova'' e il ''[[carlin di maggio]]'', fondendo significati sacri e profani, prende il curioso nome di ''galina grisa'' dalla strofa di apertura del canto rituale.
 
In altri paesi della val Tidone piacentina come [[Cicogni]]<ref>[http://www.appennino4p.it/cicogni Il maggio di Cicogni (Dove comincia l'Appennino)<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>, [[Pecorara]] e [[Pianello Val Tidone]] si svolge il giorno del primo maggio mantenendo il nome e lo schema della questua.
 
==Le uova==
Nei tempi passati per le famiglie contadine e montanare, che non vivevano certo nell'abbondanza, era un bene facilmente disponibile e rinnovabile, una delle poche cose che si poteva facilmente ''donare'' ai questuanti. Oltre che mezzo per una scorpacciata collettiva, trasformato in frittate e accompagnato da vino, salumi e dolci raccolti nella questua, l'uovo, nei piccoli paesi, era facilmente convertibile in denaro, il negozio o il fornaio accettava in pagamento uova al posto delle monete, che nelle mani dei contadini passavano raramente, per cui le uova raccolte, se erano molte venivano portate al negozio per avere in cambio altri generi alimentari.
 
==Il ciclo pasquale di Romagnese<ref>[http://www.appennino4p.it/romagnese Il ciclo pasquale di Romagnese (Dove comincia l'Appennino)<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>==
*Inizia il [[giovedì Santo]] con una processione che segue un penitente incappucciato (anonimo) che porta una croce di legno, partendo dalla parrocchia si snoda fino all'oratorio di Casa Picchi.
*Il [[venerdì Santo]] si accendono falò in vari punti della vallata in concomitanza con la processione che porta il [[Cristo morto]].
95 796

contributi