Accordatore (musica): differenze tra le versioni

Oggi esistono apparecchi elettronici usati per l'[[accordatura]] di strumenti [[musica|musicali]].
 
Per gli strumenti acustici (cioè non elettronici) esistono accordatori tascabili che a mezzo di un piccolo microfono ricevono il suono prodotto dallo strumento ed indicano tramite [[Light emitting diode|led]] o [[frequenzimetro|frequenzimetri]] ad ago o digitali il livello della frequenza del suono e quindi l'intonazione da eventualmente correggere. Questo tipo di accordatori è usato di frequente non soltanto per accordare gli strumenti, ma anche per controllare e correggere la propria intonazione durante lo studio negli strumenti a fiato, ad arco e nel canto, in cui l'intonazione èrappresenta solitamentenotoriamente una difficoltà da tenere sotto controllo.
 
Per molti strumenti elettronici, invece, basta collegare direttamente l'ingresso di un accordatore all'uscita dell'[[amplificatore]] per far ricevere ed analizzare all'accordatore i suoni emessi dallo strumento.