Differenze tra le versioni di "Publio Licinio Crasso Dive Muciano"

m
nessun oggetto della modifica
m
{{F|politici latini|luglio 2013}}
{{Magistrato romano
| nome = Publio Licinio Crasso Dive Muciano
| titolo = [[Console romano|Console]] della [[Repubblica romana]]
| immagine = [[File:Roman SPQR banner.svg|80px]]
| legenda =
| altrititoli =
| nome completo = ''Publius Licinius Crassus Dives Mucianus''
| coniuge 1 =
| coniuge 2 =
| coniuge 3 =
| figli =
| padre =
| madre =
| dinastia =
| Gens = [[Gens Licinia|Licinia]]
| data di nascita =
| luogo di nascita=
| data di morte =
| luogo di morte =
| consolato = [[131 a.C.]]
| tribunato consolare =
| dittatura =
|}}
{{Bio
|Nome = Publio
}}
 
== Origini familiariBiografia ==
Crasso Muciano era figlio di [[Publio Mucio Scevola (console 175 a.C.)|Publio Mucio Scevola]], [[console (storia romana)|console]] del [[175 a.C.]], e di sua moglie Licinia, sorella di [[Publio Licinio Crasso (console 171 a.C.)|Publio Licinio Crasso]], console del [[171 a.C.]]; suo zio paterno [[Quinto Mucio Scevola (console 174 a.C.)|Quinto Mucio Scevola]] era stato console nel [[174 a.C.]], mentre suo fratello maggiore, [[Publio Mucio Scevola (console 133 a.C.)|Publio Mucio Scevola]], lo divenne nel [[133 a.C.]] Il suo nonno paterno, [[Quinto Mucio Scevola (pretore 215 a.C.)|Quinto Mucio Scevola]], era stato [[pretore (storia romana)|pretore]] nel [[215 a.C.]], ma si era ammalato ed era morto prima di concorrere per il consolato.
 
La ''[[gens Mucia]]'' ottenne diversi consolati tra il [[175 a.C.|175]] e il [[95 a.C.]], e non meno di tre consoli divennero pontefici massimi, tra cui Crasso Muciano.
 
 
== Biografia ==
Muciano divenne [[Pontefice massimo (storia romana)|pontefice massimo]] nel [[132 a.C.]], dopo la morte in esilio del pontefice [[Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione]]. Nel [[131 a.C.]] fu eletto [[console (storia romana)|console]] assieme a [[Lucio Valerio Flacco (console 131 a.C.)|Lucio Valerio Flacco]], il ''[[flamen Martialis]]''.
 
Muciano fu impegnato in una guerra contro [[Eumene III]], che era salito su quel trono del [[Regno di Pergamo]] che il sovrano [[Attalo III]] aveva lasciato in eredità ai Romani; fu il primo pontefice massimo a lasciare volontariamente l'[[Italia]]. Scontratosi con Eumene, fu sconfitto e, durante la ritirata, raggiunto dai nemici e pugnalato a morte.
 
<!--
{{S-inizio}}
{{S-prima|prima=[[Publio Popilio Lenate]],<br /> [[Publio Rupilio]]}}
{{S-titolo|titolo=[[Consoli repubblicani romani|Console romano]] |anni=[[131 a.C.]] |reggente1=[[Lucio Valerio Flacco (console 131 a.C.)|Lucio Valerio Flacco]]}}
{{S-dopo|dopo=[[Lucio Cornelio Lentulo (console 130 a.C.)|Lucio Cornelio Lentulo]],<br /> [[Marco Perperna]]}}
 
{{S-prima|prima=[[Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione]]}}
{{S-titolo|titolo=[[Pontefice massimo (storia romana)|Pontefice massimo]] |anni=[[132 a.C.|132]]–[[130 a.C.]]}}
{{S-dopo|dopo=[[Publio Muzio Scevola (console 133 a.C.)|Publio Muzio Scevola]]}}
-->
{{S-fine}}
{{Box successione
|tipologia = magistrato romano
|carica = ''[[Console (storia romana)|<span style="color:#FFA257;">Console romano</span>]]''
|immagine = Consul et lictores.png
{{S-prima|primaprecedente = [[Publio Popilio Lenate]],<br >e<br/> [[Publio Rupilio]]}}
{{S-titolo|titoloperiodo =[[Consoli repubblicani romani|Console romano]] |anni=([[131 a.C.]])<br>con |reggente1=[[Lucio Valerio Flacco (console 131 a.C.)|Lucio Valerio Flacco]]}}<br>
{{S-dopo|doposuccessivo = [[Lucio Cornelio Lentulo (console 130 a.C.)|Lucio Cornelio Lentulo]],<br >e<br/> [[Marco Perperna]]}}
}}
 
 
{{Portale|Antica Roma|biografie}}
 
29 394

contributi