Differenze tra le versioni di "Chiesa dei Sette Santi Fondatori"

nessun oggetto della modifica
|DedicatoA = [[Sette Santi Fondatori]]
|NomeEdificio = Chiesa dei Sette Santi Fondatori
|Immagine = Chiesa dei sette santi, 3fi, ext. 01.JPG
|Didascalia = Esterno
|Larghezza =
 
==Interno==
[[File:Chiesa dei sette santi, fi, int. 02.JPG|thumb|left|Interno]]
L'interno è decorato con numerose opere d'arte del pittore e scultore [[Giuseppe Cassioli]], eseguite dal [[1927]] al [[1934]].
 
 
===Cappella della Madonna Addolorata===
Il 13 novembre [[1896]] venne inaugurato il convento; il Padre generale ''Giovanangelo Pagliai'' ([[1847]]-[[1916]]) benedisse il giorno dopo la Cappella provvisoria. Questa prima chiesetta, ora inclusa nel convento, è dedicata alla ''Madonna Addolorata'', per questo si chiama ''Cappella dell' Addolorata'', ma ebbe anche diversi nomi: ''Cappella del Capitolo'', per via delle riunioni della comunità che si tenevano lì e ''Cappella dei morti'' per i servizi per i defunti, che ancora oggi lì si svolgono.
 
==Il convento==
Dal resoconto di ''P.padre Eugenio Poletti'' ([[1869]]-[[1940]]) del 30 marzo [[1897]], si evince che il convento fu edificato per sostenere le vocazioni di [[sacerdote|sacerdoti]] e religiosi, che rinforzassero l'''Ordine della Madonna'' e la [[Basilica della Santissima Annunziata]]. La costruzione del convento fu promossa dalla ''Comunità della Santissima Annunziata''. Per questo nel [[1894]] si decise di acquistare un terreno, per costruire sia la chiesa sia il convento nella zona di [[Campo di Marte (Firenze)|Campo di Marte]]; nel [[1899]], per iniziativa di ''P.padre Ambrogio Vitali'' ([[1841]]-[[1909]]), il convento era già costruito ed era lasciato uno spazio nel ''Vialeviale Militare'', oggi [[viale dei Mille]], per edificare, a tempo debito, la Chiesa dei Sette Santi Fondatori. Il fatto che il convento venne costruito così velocemente, mostra che bisognava davvero che l'Opera venisse alla luce il più presto possibile; e questo, sia per rivalsa verso le leggi suddette, sia per mantenere in vita lo stesso [[Ordine dei Servi di Maria]]. L'architetto dell'opera fu scelto nell'agosto del [[1895]] e fu [[Luigi Caldini]], il direttore dei lavori fu [[Giuseppe Petrucci]]. Il 2 settembre [[1895]] iniziò la misurazione del terreno e già nel dicembre risultano dei pagamenti per i lavori fatti.
 
Nel Convento, dal 23 al 30 luglio [[1901]], si svolse anche il 193º Capitolo Generale di tutto l'Ordine dei Servi, fu durante questo Capitolo, appunto, che venne posta la prima pietra della chiesa.
236 251

contributi