Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione ,  6 anni fa
m
Bot: formattazione dei wikilink
Le Panzerdivision entrarono [[campagna di Polonia|in azione in Polonia]] raggruppate operativamente in corpi d'armata motorizzati, e avanzarono rapidamente in profondità nel territorio polacco, sbaragliando facilmente la resistenza nemica, dando una prima dimostrazione dell'efficienza degli uomini delle ''Panzertruppen'' e della validità delle tattiche della [[Guerra lampo]] studiate dagli esperti della Wehrmacht. Nonostante alcune difficoltà legate alle modesta potenza dei carri armati (principalmente mezzi leggeri [[Panzer I]] e [[Panzer II]]), le divisioni corazzate diedero buona prova e durante l'inverno [[1939]]-[[1940|40]] anche le quattro ''Leichte Division'' vennero trasformate in Panzerdivision (numerate da 6 a 9) con l'aggiunta di nuovi reggimenti corazzati, dotati anche di carri armati di origine ceca, [[Panzer 35(t)]] e [[Panzer 38(t)]].
 
Il 10 maggio [[1940]] le dieci Panzerdivision parteciparono al ''[[Campagna di Francia|''Fall Gelb'']]'', la grande offensiva sul fronte occidentale; sette divisioni corazzate sferrarono l'attacco decisivo sulla [[Mosa (fiume)|Mosa]] e avanzarono, dopo aver travolto le difese francesi, fino alla [[La Manica|Manica]], accerchiando le forze alleate e imprimendo una svolta decisiva alla campagna. Dopo la [[battaglia di Dunkerque]], le Panzerdivision entrarono in azione anche nella seconda fase dell'offensiva tedesca e coronarono trionfalmente la vittoria totale del [[Terzo Reich]], raggiungendo le coste della [[Bretagna]], la [[Loira]] e il [[Rodano (fiume)|Rodano]].
 
In vista dei molteplici impegni dell'Heer (Wehrmacht) e dei progetti di Hitler di attacco decisivo all'[[Unione Sovietica]], nell'inverno 1940-41, l'Alto comando tedesco costituì dieci nuove divisioni corazzate (numerate da 11 a 20), riducendo però il numero di carri disponibili in ciascuna divisione: un solo reggimento corazzato con due o tre battaglioni e 160-190 mezzi corazzati (con una maggior percentuale di carri medi Panzer III e IV). Nella primavera [[1941]] le Panzerdivision invasero rapidamente la [[Jugoslavia]] e la [[Grecia]] e respinsero in mare le truppe britanniche sbarcate nei [[Penisola balcanica|Balcani]], due divisioni corazzate furono inviate in [[Africa]] e contribuirono in modo decisivo ad arrestare l'avanzata inglese in [[Libia]], mentre le restanti diciannove Panzerdivision parteciparono dal 22 giugno 1941 all'[[Operazione Barbarossa]].
491 193

contributi