Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
 
==Biografia==
Howard McNear nacque a Los Angeles, in [[California]], il 27 gennaio 1905. negli anni 30trenta al lavoro alla radio in alcuni radiodrammi. Dopo aver partecipato alla seconda guerra mondiale con l'esercito statunitense, riprese la carriera di [[attore caratterista]] al cinema e alla televisione solo nei primi anni 50cinquanta. Per la televisione, in particolare, si dedicò ad una lunga carriera dando vita a numerosi personaggi per varie serie, tra cui Mr. Jansen in 7 episodi della serie ''[[The George Burns and Gracie Allen Show]]'' dal 1957 al 1958 (più altri tre episodi con altri ruoli), Floyd Lawson in 80 episodi della serie ''[[The Andy Griffith Show]]'' dal 1961 al 1967 e continuò a inanellare molte altre partecipazioni dagli anni 50cinquanta alla fine degli anni 60 in veste di [[guest star]] o di interprete di personaggi perlopiù minori in numerosi episodi. Prese parte anche a due episodi della serie classica di ''[[Ai confini della realtà (serie televisiva 1959)|Ai confini della realtà]]'' nel 1962 e nel 1963.<ref name="ruoli">{{cita web|url=http://www.imdb.com/name/nm0573830/filmoseries|titolo= Ruoli in serie televisive|autore=IMDb|lingua=en |accesso=10 dicembre 2013}}</ref>
 
La sua carriera cinematografica conta diverse presenze con varie interpretazioni tra cui quelle del dottor Dompierre in ''[[Anatomia di un omicidio]]'' del 1959 e di Mr. Pettibone in ''[[Baciami, stupido]]'' del 1964.
 
Per gli schermi televisivi la sua ultima interpretazione risale all'episodio ''The Leaning Tower of Ridgemont'' della serie televisiva ''[[Per favore non mangiate le margherite]]'', trasmesso il 5 aprile 1966, in cui dà vita al personaggio di Arnold. Per ciò che concerne il suo curriculum cinematografico, l'ultima interpretazione risale al film del 1966 ''[[Non per soldi... ma per denaro]]'' in cui interpreta Cimoli.
 
Morì per un infarto nella San Fernando Valley il 3 gennaio 1969 e fu seppellito al [[Los Angeles National Cemetery]].<ref name="find">Find a Grave, op. cit.</ref>
51 734

contributi