Svalutazione: differenze tra le versioni

Ai nostri giorni non si usano più monete composte da metalli preziosi e le ragioni della perdita di valore di una moneta sono da attribuirsi all'operare della [[domanda e offerta#Domanda|domanda]] e dell'[[offerta]] delle monete che servono a regolare le [[transazione economica|transazioni economiche]]. Tipicamente oggi l'azione svalutativa per eccellenza è l'emissione di moneta nel [[sistema economico]] da parte di una [[banca centrale]].
 
Gli effetti economici della svalutazione sono molteplici: da una parte rende più costose le merci [[importazione|importate]] (import) e di conseguenza può avere un parziale effetto sull'[[inflazione]], dall'altra stimola la ripresa del mercato interno e rende più convenienti i prodotti del paese che svaluta [[esportazione|esportati]] (export) sui [[mercato|mercati]] esteri con effetti positivi sulla [[bilancia commerciale]] e sull'economia interna del paese. Il bilancio complessivo dei due effetti dipende dunque dai flussi di import-export.
 
Alcuni paesi europei dell'attuale [[Eurozona]], tra cui l'Italia, erano soliti operare la svalutazione della propria moneta prima dell'entrata nell'[[Unione economica e monetaria dell'Unione europea]] cioè prima dell'adesione alla [[euro|moneta unica europea]].
Utente anonimo