Differenze tra le versioni di "Sadismo"

1 byte aggiunto ,  6 anni fa
m (- cat inesistente, -iw)
In realtà, secondo alcuni studi, fra cui quelli del filosofo francese [[Gilles Deleuze]],<ref>Gilles Deleuze, ''Il freddo e il crudele'', Milano, ES, 1991. <small>ISBN 8885357024; ISBN 9788885357020.</small></ref> la relazione fra sadico e masochista è impossibile, essendo il primo coinvolto in una sorta di operazione destrutturante del potere nella relazione (quindi facendo saltare ogni possibile accordo), laddove il secondo è piuttosto attratto dalle forme di istituzionalizzazione della relazione all'interno di una cornice contrattuale.
 
Pertanto il [[sadico]], tendenzialmente, al di fuori di una cornice minima regolamentare come quella detta del [[Safe, Sane and Consensual|SSC]] (sano sicuro e consensuale, tipica delle relazioni [[BDSM]]) può spingere la sua azione fino a soprassedere o rinunciare al consenso esplicito della "vittima" dei suoi gesti, o addirittura, nei casi di sadismo patologico, fino a oltrepassare i limiti della legalità rendendosi responsabile di atti lesivi dell'integrità psicofisica o addirittura della vita di colui o colei sulsu qualecui agisce.
 
Il termine deriva da [[Donatien Alphonse François de Sade]], meglio conosciuto come Marchese de Sade ([[1740]] - [[1814]]), aristocratico francese autore di diversi libri erotici e di alcuni saggi filosofici, in cui è evidenziata la figura del sadico come individuo capace di compiere, con scientifica razionalità, ogni sorta di azione volta al male, rifiutando ogni limitazione imposta dalla [[morale]] comune e riconoscendo come unica legge il perseguimento e l'accrescimento del proprio personale [[piacere]].
Utente anonimo