Differenze tra le versioni di "Tripolitania italiana"

nessun oggetto della modifica
La [[riconquista della Tripolitania|riconquista]] iniziò nel luglio [[1921]] con l'arrivo del nuovo governatore della Tripolitania, il banchiere veneziano [[Giuseppe Volpi]]. Volpi, supportato dal ministro delle Colonie, il liberale [[Giovanni Amendola]], impresse subito una sterzata alle demoralizzate guarnigioni ormai abituate a vivere alla giornata. All'alba del 26 gennaio [[1922]], realizzando una sorpresa tattica, [[carabinieri]], [[zaptiè]] ed eritrei sbarcarono a [[Misurata Marittima]], occupando la località; era l'inizio della svolta che in poco più di un anno si concluse con l'occupazione di tutta la Tripolitania.
 
Alla pacificazione seguì un periodo di rapido sviluppo, con un grande sforzo del governo italiano per lo sviluppo economico della regione, che si concretizzava soprattutto in massicci investimenti nelle infrastrutture della Libia<ref>Adu nameBohaen, =adu196op. cit. pag. 196.</ref>. Tra i progetti più importanti, furono realizzati la [[Via Balbia|strada litoranea]] tra [[Tripoli]] e Bengasi e le [[Storia delle ferrovie coloniali italiane|linee ferroviarie coloniali]] [[Ferrovia Tripoli-Tagiura|Tripoli-Tagiura]], [[Ferrovia Tripoli-Vertice 31|Tripoli-Vertice 31]] e [[Ferrovia Tripoli-Zuara|Tripoli-Zuara]].
 
Ebbe inizio la costruzione dei primi nuovi villaggi per italiani e libici<ref>[http://www.orsomax.com/OEA/OEAvillaggi3.htm I villaggi coloniali della Libia.]</ref>, dotati di tutte le infrastrutture e le vie di comunicazione necessarie, frutto di accurati studi architettonici e realizzati in stile [[razionalismo italiano|razionalista]]<ref>Santoianni, op. cit. pag. 47-60.</ref>
 
== Bibliografia ==
*Adu Boahen, Albert. ''Storia generale dell'Africa'', Unesco: Comitato Scientifico Internazionale per l'elaborazione di una Storia generale dell'Africa, 1990.
* ''La Rinascita della Tripolitania - Memorie e studi sui quattro anni di governo del conte Giuseppe Volpi di Misurata'', Mondadori, Milano 1926
* ''Tripoli. Piccola guida pratica e pianta della città''. Tripoli, UCIPU, 1938
13 716

contributi