Trattamento termico: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  8 anni fa
(Link promozionale)
Per '''trattamento termico''' si intende il [[Ciclo termodinamico|ciclo]] termico di riscaldamento effettuato in predeterminate condizioni e [[temperatura|temperature]] a cui devono seguire raffreddamenti, più o meno lenti, con lo scopo di fare assumere ad un [[metallo]] o ad una [[Lega (metallurgia)|lega metallica]] (solitamente [[acciaio]]) quelle [[Cristallo|strutture cristalline]] che gli conferiscono determinate [[Caratteristiche dei materiali|caratteristiche]] meccaniche e/o tecnologiche.
 
Per comprendere l'effetto dei trattamenti termici sulla struttura di una lega metallica, è necessario conoscere il [[diagramma di stato]] della lega stessa. Tale conoscenza non è tuttavia sufficiente, difattiinfatti i diagrammi di stato definiscono le strutture di [[Equilibrio termodinamico|equilibrio]] di un metallo o una lega ad una determinata temperatura. Le relative [[Curva di raffreddamento|curve]] sono quindi ricavate applicando riscaldamenti e raffreddamenti molto lenti (tali da consentire il raggiungimento dell'equilibrio ad ogni temperatura).
 
Per questo motivo, un importante ruolo è svolto dalla velocità di raffreddamento o di riscaldamento della trasformazione. Tale velocità non solo influisce sulle temperature di [[Transizione di fase|transizione]] (che in genere saranno diverse da quelle ricavate dai diagrammi di stato), ma anche sulla natura stessa della struttura ottenuta, con la possibilità di ottenere costituenti [[Metastabilità|metastabili]] (quali ad esempio la [[martensite]] negli [[acciaio|acciai]]) assenti nel diagramma di stato.
Utente anonimo