Differenze tra le versioni di "Juan Ruiz de Apodaca"

 
==Il progetto di Iturbide==
Il 1º gennaio [[1820]], il colonnello [[Rafael de Riego]] fece scoppiare una rivolta in [[Andalusia]], Spagna, chiedendo che venisse ripristinata la costituzione del 1812. Il despota Ferdinando VII, che l'aveva abolita il 14 maggio [[1814]], aveva paura di rifiutare la richiesta. Lo stesso Ferdinando giurò sulla costituzione, il 9 marzo [[1820]], ordinando di ripristinarla in tutti i possedimenti spagnoli.
 
Quando l'ordine giunse in Nuova Spagna, il viceré Juan Ruiz de Apodaca ne rimandò la pubblicazione, durante negoziazioni segrete, svoltesi nella chiesa di La Profesa. Il 7 marzo [[1821]], i negoziati giunsero alla decisione di dichiarare l'indipendenza della Nuova Spagna, accompagnando la cosa con l'offerta, fatta a Ferdinando, di instaurare una monarchia assoluta, senza costituzione.
Il 1º gennaio [[1820]] il colonnello [[Rafael de Riego]] fece scoppiare una rivolta in [[Andalusia]], Spagna, chiedendo che venisse ripristinata la costituzione del 1812. Il despota Ferdinando VII, che l'aveva abolita il 14 maggio [[1814]], aveva paura di rifiutare la richiesta. Lo stesso Ferdinando giurò sulla costituzione il 9 marzo [[1820]] ordinando di ripristinarla in tutti i possedimenti spagnoli.
 
Per far funzionare questo progetto, era necessario un supporto militare. Per questo motivo, il viceré scelse il generale [[Agustín de Iturbide]], per rappresentare la colonia, liberandolo da un'accusa giudiziaria di comportamento scorretto, a El Bajío. Il progetto divenne noto col nome di ''Plan de Iturbide''. Ad Iturbide era stato concesso il comando delle truppe del re nel sud della colonia, il 9 novembre [[1820]].
Quando l'ordine giunse in Nuova Spagna, il viceré Ruiz de Apodaca ne rimandò la pubblicazione durante negoziazioni segrete svoltesi nella chiesa di La Profesa. Il 7 marzo [[1821]] i negoziati giunsero alla decisione di dichiarare l'indipendenza della Nuova Spagna, accompagnando la cosa con l'offerta fatta a Ferdinando di instaurare una monarchia assoluta, senza costituzione.
 
Il viceré giurò sulla costituzione del 1812, il 31 maggio [[1820]].
Per far funzionare questo progetto era necessario un supporto militare. Per questo motivo il viceré scelse il generale [[Agustín de Iturbide]] per rappresentare la colonia, liberandolo da un'accusa giudiziaria di comportamento scorretto a El Bajío. Il progetto divenne noto col nome di ''Plan de Iturbide''. Ad Iturbide era stato concesso il comando delle truppe del re nel sud della colonia, il 9 novembre [[1820]].
 
Il viceré giurò sulla costituzione del 1812 il 31 maggio [[1820]].
 
==Il progetto di Iguala==
Utente anonimo