Differenze tra le versioni di "Editoria accademica"

piccole modifiche formali.
(piccole modifiche formali.)
{{S|letteratura|scienza}}
EL<nowiki>'</nowiki>'''editoria accademica''' riguarda il settore delle case editrici strettamente legate al mercato universitario e quindi alla pubblicazione di testi di interesse accademico. beneSi distingueredistinguono due tipologie di case editrici accademiche : le imprese commerciali che hanno come scopo primario il profitto , attraverso la pubblicazione dei lavori scientifici ; e le [[University Press]] , enti non-profit, che nascono all'interno di un ateneo , con il solo obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza e quindi i risultati delle [[ricerche scientifiche]] dell'istituzione di cui fanno parte e da cui ricevono i finanziamenti.<ref> {{cita libro|coautori=Mauro Guerrini||Roberto Ventura|titolo=Problemi dell’editoria universitaria oggi. Il ruolo delle university press e il movimento a favore dell’open access, in : "Dalla pecia all’e-book. Libri per l’università: stampa, editoria, circolazione e lettura. Atti del convegno internazionale di studi"|anno=2009|editore=CLUEB|città=Bologna|ISBN= ISBN 978-88-491-3252-6.}}</ref>
L<nowiki>'</nowiki>'''editoria accademica''' riguarda il settore delle case editrici strettamente legate al mercato universitario e quindi alla pubblicazione di testi di interesse accademico.
 
La maggior parte dei lavori vengono pubblicati su [[rivista accademica|riviste scientifiche]], [[libri]] o sotto forma di [[tesi]] , e sono soggetti al meccanismo della [[revisione paritaria]] (o ''peer-review''), al fine di garantirne un livello scientifico adeguato. La qualità e la selettività della revisione variano molto a seconda della rivista, dell'editore e del campo di riferimento.
E' bene distinguere due tipologie di case editrici accademiche : le imprese commerciali che hanno come scopo primario il profitto , attraverso la pubblicazione dei lavori scientifici ; e le [[University Press]] , enti non-profit, che nascono all'interno di un ateneo , con il solo obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza e quindi i risultati delle [[ricerche scientifiche]] dell'istituzione di cui fanno parte e da cui ricevono i finanziamenti.<ref> {{cita libro|coautori=Mauro Guerrini||Roberto Ventura|titolo=Problemi dell’editoria universitaria oggi. Il ruolo delle university press e il movimento a favore dell’open access, in : "Dalla pecia all’e-book. Libri per l’università: stampa, editoria, circolazione e lettura. Atti del convegno internazionale di studi"|anno=2009|editore=CLUEB|città=Bologna|ISBN= ISBN 978-88-491-3252-6.}}</ref>
 
 
La maggior parte dei lavori vengono pubblicati su [[rivista accademica|riviste scientifiche]], [[libri]] o sotto forma di [[tesi]] , e sono soggetti al meccanismo della [[revisione paritaria]] (o ''peer-review''), al fine di garantirne un livello scientifico adeguato.
 
La qualità e la selettività della revisione variano molto a seconda della rivista, dell'editore e del campo di riferimento.
 
La produzione accademica diffusa attraverso canali non ufficiali è chiamata [[letteratura grigia]].