Differenze tra le versioni di "Luna (divinità)"

m
Spesso era rappresentata come il complemento femminile di Sole, personificazione dell'astro solare. A volte si trova rappresentata, insieme a [[Proserpina]] e [[Ecate]], come ''diva triformis'', ossia dea che assume tre diverse sembianze.
 
A volte invece non è definibile come una vera e propria dea, quanto come un epitetoattributo che qualifica una dea, come quando [[Diana]] e [[Giunone]] sono identificate come ''LinaLuna''.<ref>C.M.C. Green, Roman Religion and the Cult of Diana at Aricia (Cambridge University Press, 2007), p. 73. </ref>
 
[[Varrone]] la include tra gli dei visibili, tra i quali cita anche Sol, distinti da quelli invisibile come [[Nettuno]], e quelli mortali come [[Ercole]].<ref>Varro, frg. 23 (Cardauns) = Tertullian, Ad nationes 2.2.14–2</ref>
29 801

contributi