Differenze tra le versioni di "George Elphinstone, I visconte Keith"

Quando scoppiò di nuovo la guerra nel 1793, fu messo a capo della {{nave|HMS|Robust|1764|6}} (74 cannoni), con la quale partecipò all'occupazione di [[Tolone]] con [[Samuel Hood, I Visconte di Hood]]. Si distinse particolarmente sconfiggendo un gruppo di francesi a terra a capo di una brigata navale di britannici e spagnoli. Gli fu assegnato il compito di imbarcare i fuggitivi quando la città fu evacuata. Nel 1794 fu promosso [[retroammiraglio]], e nel 1795 fu inviato ad occupare le colonie olandesi di [[Capo di Buona Speranza]] ed in [[India]]. Ebbe un ruolo importante nella conquista del Capo nel 1795, e nell'agosto 1796 catturò un intero squadrone olandese nella [[baia di Saldanha]]. Nell'intervallo andò in India dove patì problemi di salute, e la conquista di Saldanha avvenne quando stava tornando a casa. Quando avvenne l'[[ammutinamento di Nore]] nel 1797, fu messo al comando e ristabilì subito l'ordine. Ebbe successo anche a [[Plymouth]], dove uno squadrone era in agitazione.<ref name=odnb/>
 
Nel 1798 era secondo in comando di Saint Vincent.<ref name=odnb/> Per molto tempo ebbe un incarico minore, dato che per Saint Vincent era inabile a causa della malattia e inaffidabile, mentre [[Horatio Nelson]] considerava la nomina di Keith un favore personale, dato che era scontroso ed insubordinato. Nel maggio 1799 dovette affrontare con la [[spedizione di Bruix del 1799|spedizione di Bruix]], soprattutto a causa degli scontri tra comandanti navali britannici. Keith inseguì il nemico fino a [[Brest (Francia)|Brest]] seguendone la ritirata, ma non riuscì ad ingaggiare il combattimento.
 
Tornò nel [[mar Mediterraneo]] a novembre come comandante in capo.<ref name=odnb/> Cooperò con gli austriaci nell'assedio di [[Genova]], che si arrese il 4 giugno 1800. Subito dopo subì le conseguenze della [[battaglia di Marengo]], ed i francesi tornarono così velocemente che l'ammiraglio fece fatica ad uscire con le proprie navi dal porto. La fine del 1801 e l'inizio dell'anno seguente servirono per portare l'esercito dalla Francia all'[[Egitto]]. Dato che la flotta nemica era chiusa in poto, l'ammiraglio britannico non ebbe modo di effettuare scontri in mare, ma fu ammirevole la scorta delle truppe e lo sbarco di [[Abukir]].
122 490

contributi