Differenze tra le versioni di "Laguna di Stettino"

nessun oggetto della modifica
Le due principali aree che compongono la laguna, ''Kleines Haff'' (410 km²) e ''Wielki Zalew'' (277 km²), corrispondono abbastanza fedelmente alla divisione amministrativa della laguna tra [[Germania]] e [[Polonia]].
 
La parte nel territorio tedesco è compresa nel ''[[Stati federati della Germania|land]]'' di [[Meclemburgo-Pomerania Anteriore]], mentre quella polacca ricade all'interno del [[Voivodati della Polonia|voivodato]] della [[Voivodato della Pomerania Occidentale|Pomerania Occidentale]].
 
[[Immagine:Altwarp aus der Luft.jpg|thumbnail|350px|right|Il villaggio di [[Altwarp]] sulla sponda tedesca della laguna.]]
La laguna è stata per secoli un'importante area di pesca per gli insediamenti circostanti, tant'è che i diritti di pesca furono a volte causa di controversie.
 
Sul finire del [[XIII secolo]] fu fondata la città di [[Anklam]] all'estremità occidentale della laguna, inizialmente come stazione doganale per le imbarcazioni in transito per il [[Peenestrom]].
 
Nel [[1495]], quando la laguna faceva parte del [[ducato di Pomerania]], il duca [[Boghislao X di Pomerania]] regolamentò per la prima volta la pesca nella laguna. Il bacino venne diviso in distretti (''Kiepereien''), ciascuno sotto la gestione di un incaricato del duca (''Fischereiaufseher''); la parte migliore della pesca ([[Salmone|salmoni]], [[Acipenseridae|storioni]], [[Cyprinus carpio|carpe]] e [[Silurus glanis|pesci siluro]]) era generalmente destinata al duca. Particolari [[Barca a vela|barche a vela]] (''Zeesenboot'') si diffusero per la pesca nella acque basse della lagunelaguna.
 
[[File:Stettiner Haff - Battle of 1759.jpg|thumbnail|220px|right|Una stampa d'epoca raffigurante la battaglia navale di Frisches Haff del 1759.]]
Con il [[Trattato di Stettino (1630)|trattato di Stettino del 1630]], nell'ambito della [[guerra dei trent'anni]], il ducato di Pomerania passò sotto il [[Pomerania svedese|dominio svedese]].
 
Durante la [[guerra dei sette anni]], la laguna fu teatro della [[Battaglia di Frisches Haff|battaglia navale di Frisches Haff]] (dall'antico nome della laguna, ''Frisches Haff'', poi riferito alla [[laguna della Vistola]]) tra le flotte [[Epoca della libertà svedese|svedesi]] e [[Regno di Prussia|prussiane]]. Il 10 settembre [[1759]], nel punto più stretto della laguna, nei pressi delle secche di Repziner Haken, 13 navi con 700 uomini della neonata [[marina prussiana]] vennero affondate dalla [[Svenska marinen|flotta svedese]], forte di 28 navi e 2250 uomini.
 
Nel [[1814]] la Pomerania passò sotto la [[Danimarca-Norvegia|corona danese]] come effetto degli scambi territoriali sanciti dal [[trattato di Kiel]], conseguente alle [[guerre napoleoniche]]. Tuttavia già l'[[1815|anno successivo]] l'area fu inqudrata nella [[Provincia della Pomerania (1815-1946)|provincia della Pomerania]] del [[regno di Prussia]].
 
Nel [[1860]] fu avviato un progetto per estendere la rete ferroviaria prussiana fino all'isola di Usedom per mezzo di un terrapieno a [[Nowe Warpno]]. Il progetto fu infine abbandonato a favore di un [[Ponte#Ponte girevole|ponte girevole]] a Karnin, questo fu poi sostituito nel 1931 da un [[Ponte#Ponte sollevabile|ponte sollevabile]].
 
Nel [[1874]] furono avviati i lavori per la realizzazione del canale Kaiserfahrt (''passaggio dell'imperatore'', oggi [[canale Piast]]), scavato sull'isola di [[Usedom]], parallelamente al corso del fiume [[Świna]], per permettere il passaggio di grandi navi tra la laguna e il [[mar Baltico]]. Il canale, lungo 12 km e profondo 10 m, fu terminato nel [[1880]] durante il regno dell'[[Imperatori tedeschi (Secondo Reich)|imperatore]] [[Guglielmo I di Germania|Guglielmo I il Grande]], da cui prese il nome.
 
Nel [[1945]] i territori ad est della [[linea Oder-Neiße]] furono ceduti dalla [[Germania]] alla [[Polonia]] nell'ambito degli [[Modifiche territoriali causate dalla seconda guerra mondiale|scambi territoriali]] successivi alla [[seconda guerra mondiale]]. Le città di [[Stettino]] (Szczecin in polacco) e Swinemünde (Świnoujście) seguirono la stessa sorte nonostante si trovassero sulla sponda occidentale del fiume. Il Kaiserfahrt fu rinominato canale Piast, dalla dinastia polacca [[Piast]].
 
==Natura==
[[Immagine:Anklamer Torfmoor.JPG|thumbnail|270px|left|Una vista della torbiera di Anklam.]]
 
La laguna è interessata da un pesante inquinamento derivante dagli scarichi, con presenza di [[Metallo pesante|metalli pesanti]]<ref>{{Cita|Glasbya, Szefera, Geldona, Warzocha, 2004||Glasbya, Szefera, Geldona, Warzocha, 2004}}</ref>, nei suoi [[Immissario|immissari]]. Il fiume [[Odra]] in particolare, che contribuisce per il 94% all'apporto idrico della laguna, è responsabile dello scarico di grandi quantità di [[Nitrato|nitrati]] e [[Fosfato|fosfati]] che ha causato un intenso fenomeno di [[eutrofizzazione]], sebbene si sia registrato un declino di tale condizione negli ultimi anni<ref>{{Cita|Schiewer, 2008|p. 117|Schiewer, 2008}}</ref>.
 
Al fine di tutelare il delicato [[ecosistema]] tipico della laguna, diverse [[Area naturale protetta|aree naturali]] sorgono nella zona.
 
Il Parco Naturale della laguna di Stettino (''Naturpark Am Stettiner Haff'' in tedesco) si estende sul tratto tedesco della riva meridionale della laguna, quasi interamente all'interno del [[Circondario rurale (Germania)|circondario rurale]] dell'[[Circondario dell'Uecker-Randow|Uecker-Randow]]<ref>{{cita web|url=http://www.naturpark-am-stettiner-haff.de/|titolo=Sito internet ufficiale del Parco Naturale della laguna di Stettino|lingua=de}}</ref>.
 
L'isola di [[Usedom]], a nord-ovest, è occupata quasi interamente dal Parco Naturale dell'Isola di Usedom (''Naturpark Insel Usedom'')<ref>{{cita web|url=http://www.naturpark-usedom.de/|titolo=Sito internet ufficiale del Parco Naturale dell'Isola di Usedom|lingua=de}}</ref>. Il parco comprende anche il canale Peenestrom che separa l'isola dalla terraferma.
 
Il [[Parco nazionale di Wolin]] (''Woliński Park Narodowy'' in polacco) si sviluppa invece sull'isola polacca di [[Wolin (isola)|Wolin]]<ref>{{cita web|url=http://www.wolinpn.pl/|titolo=Sito internet ufficiale del Parco nazionale di Wolin|lingua={{lingue|pl|en|de}}}}</ref>, a nord della laguna; questo ospita un santuario del [[Bison bonasus|bisonte europeo]]<ref>{{cita web|url=http://www.wildcattleconservation.org/Pictures/eu-bison/eu-bison02.html|titolo=European Bison. Gallery|editore=[http://www.wildcattleconservation.org/ wildcattleconservation.org]|accesso=15 agosto 2013|lingua=en}}</ref>.
 
La riserva naturale della città di [[Anklam]], si trova all'interno della [[torbiera]] di Anklam (''Anklamer Torfmoor'') nei pressi della foce del fiume Peene, nella parte occidentale della laguna. Il sito in passato fu oggetto di una intensiva estrazione della [[torba]], che ne abbassò il livello del suolo, causando un'inondazione nel 1995. Il sito fu successivamente sottoposto ad un progetto di tutela che limitò lo sfruttamento economico e ne ripristinò l'ambiente naturale.
A partire dal [[XX secolo]] l'area della laguna di Stettino ha attratto importanti flussi turistici, per via dei siti naturalistici e archeologici situati sulle sponde della massa d'acqua. Tra le attrazioni, sono rinomate la possibilità di praticare numerosi [[sport acquatici]], percorsi culturali tra [[Museo|musei]], [[Castello|castelli]], vecchie [[Ferrovia|ferrovie]] a [[scartamento ridotto]] e attività legate alla [[viticoltura]].
 
Nell'area della laguna, nei pressi di ritrovamenti di antichi insediamenti sull'isola di [[Wolin (isola)|Wolin]], ha luogo annualmente il "Festival degli Slavi e dei Vichinghi", la più grande [[rievocazione storica]] [[Germani|Germanica]]-[[Slavi|Slava]]-[[Vichinghi|Vichinga]] d'[[Europa]]<ref>{{cita web|url=http://www.jomsborg-vineta.com/|titolo=www.jomsborg-vineta.com|lingua=pl}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.wolin.pl/|titolo=www.wolin.pl|lingua=pl}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.historiavivens.eu/2/wolin_slavs_vikings_festival_436894.html|titolo=Wolin, Slavs&Vikings Festival|editore=[http://www.historiavivens.eu/ historiavivens.eu]|lingua={{lingue|en|it}}}}</ref>.
 
==Note==