Differenze tra le versioni di "Arco Eoliano"

m
WPCleaner v1.31b - Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia - Wikilink uguali alla propria descrizione (automatico)
m
m (WPCleaner v1.31b - Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia - Wikilink uguali alla propria descrizione (automatico))
L''''arco Eoliano''' è un [[arco insulare]] localizzato nella [[scarpata continentale]] del [[Crosta oceanica|fondale oceanico]] del [[Mar Tirreno|Tirreno meridionale]], su una [[crosta continentale]] dello spessore di 15-20 km <ref>Morelli et al., Crustal structure of Southern Italy. A seismic refraction profile between Puglia-Calabria-Sicily. ''Boll. Geofis. Teor. Appli.'', 17: 182-210, 1975.</ref>.
 
L'arco Eoliano è formato dalle sette [[isole Eolie]], tutte di origine vulcanica ([[Alicudi]], [[Filicudi]], [[Isola Salina|Salina]], [[Lipari_(isola)|Lipari]], [[Isola Vulcano|Vulcano]], [[Panarea]] e [[Stromboli]] con il vicino [[Strombolicchio (isola)|Strombolicchio]]), e da varie [[Montagna sottomarina|montagne sottomarine]], anch'esse di origine vulcanica ([[Glauco (montagna sottomarina)|Glauco]], [[Sisifo (montagna sottomarina)|Sisifo]], [[Prometeo (montagna sottomarina)|Prometeo]], [[Enarete (montagna sottomarina)|Enarete]], [[Eolo (montagna sottomarina)|Eolo]], [[Lametini (montagne sottomarine)|Lametini]], [[Alcione (montagna sottomarina)|Alcione]], [[Glabro (montagna sottomarina)|Glabro]], [[Palinuro (vulcano)|Palinuro]], [[Magnaghi (vulcano)|Magnaghi]] e [[Marsili|Marsili]]), che costituiscono una struttura di forma approssimativamente anulare.
 
L'ipotesi comunemente accettata correla il magmatismo eoliano alla [[subduzione]], ancora in atto, della piattaforma [[Mar Ionio|Ionica]] al di sotto dell'[[Arco calabro]]. Le isole Eolie sono infatti situate all'interno dell'Arco Calabro, sulla scarpata continentale calabrese e siciliana che procede, verso Nord-Ovest, fino al fondale tirrenico. Un profondo e ripido (70-80°) [[Piano di Benioff]] a [[nord]]-[[ovest]] è stato riconosciuto sotto l'arco calabro in base alla distribuzione dei [[terremoto|terremoti]] con [[ipocentro]] intermedio (quelli, cioè, che avvengono fra i 70 e 300 km di profondità) e profondo (oltre cioè i 300 km di profondità)<ref>[[Enzo Boschi]] e [[Franco Bordieri]], ''Terremoti d'Italia: il rischio sismico, l'allarme degli scienziati, l'indifferenza del potere'', Milano: Baldini & Castoldi, 1998, pp. 42-45.</ref>. La sismicità profonda è limitata alla branca orientale dell'arco, mentre è assente al di sotto delle isole occidentali, e la scarpata [[Tindari]]-[[Letojanni]]-[[Malta]] divide i due diversi regimi tettonici.
329 744

contributi