Differenze tra le versioni di "Cittadinanza"

 
E' senz'altro la dimensione "materiale" della cittadinanza quella che oggi rappresenta il contributo più significativo della sociologia a questo genere di studi, una cittadinanza intesa come capacità del soggetto (che sia o no cittadino) di realizzarsi all'interno di una determinata comunità politica a partire dai propri capitali personali e dai diritti e servizi che gli sono garantiti.
 
=== Cittadinanza e globalizzazione ===
Il concetto di cittadinanza negli ultimi anni si sta modificando a causa dei numerosi cambiamenti che coinvolgono la società moderna; il processo di [[globalizzazione]] sta infatti modificando la realtà dei singoli individui, soprattutto per quanto riguarda i cosiddetti cittadini o migranti transnazionali, che pur risiedendo in un paese diverso intrattengono rapporti molto stretti con il proprio stato di origine, sia dal punto di vista sociale che economico, in molti casi anche riuscendo ad influenzarne le politiche<ref>[http://www.marioandreavalori.it/documenti/2011-migrazioni.html Lessico e definizioni giuridiche e sociologiche relative alle migrazioni. Lezioni universitarie 2010-2011]</ref>. Ovviamente il peso di questa influenza dipende dal numero di membri, dalla ricchezza e dalla forza dei rapporti che la comunità riesce a stringere con il proprio paese di origine<ref>Cfr. Stephen Castles, Undestanding Global Migration: a social transformation perspective (2009)</ref>.
 
== Cittadino e suddito ==
L'adozione dell'una piuttosto che dell'altra opzione ha rilevanti conseguenze negli stati interessati da forti movimenti migratori. Infatti, lo ''ius soli'' determina l'allargamento della cittadinanza ai figli degli immigrati nati sul territorio dello stato: ciò spiega perché sia stato adottato da paesi ([[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]], [[Argentina]], [[Brasile]], [[Canada]] ecc.) con una forte [[immigrazione]] e, al contempo, un territorio in grado di ospitare una popolazione maggiore di quella residente. Al contrario, lo ''ius sanguinis'' tutela i diritti dei discendenti degli emigrati, ed è dunque spesso adottato dai paesi interessati da una forte [[emigrazione]], anche storica ([[diaspora]]: [[Armenia]], [[Irlanda]], [[Italia]], [[Israele]]), o da ridelimitazioni dei [[confine|confini]] ([[Bulgaria]], [[Croazia]], [[Finlandia]], [[Germania]], [[Grecia]], [[Italia]], [[Polonia]], [[Serbia]], [[Turchia]], [[Ucraina]], [[Ungheria]]).
 
Può accadere che una persona acquisisca la cittadinanza dello stato di origine dei genitori, dove vige lo ''ius sanguinis'', e nel contempo quello dello stato sul cui territorio è nata, dove invece vige lo ''ius soli''. Queste situazioni di ''doppia cittadinanza'' possono causare inconvenienti (si pensi al caso di chi è obbligato a prestare servizio militare in entrambi gli stati di cui è cittadino), sicché gli stati tendono ad adottare norme per prevenirla, anche sulla base di trattati internazionali. PuòAlcuni accadereStati, anche cheperaltro, siccome alcuni Stati non ammettono la doppia cittadinanza, s stabiliscono che l'acquisizione della (nuova) cittadinanza presso uno Stato estero faccia automaticamente perdere quella originaria (Es.è il caso del Giappone).
 
=== Perdita ===
 
La cittadinanza si può acquisire o perdere anche a seguito di trattati internazionali che trasferiscono una parte del territorio e la popolazione ivi residente da uno stato all'altro.
 
== Cittadinanza e globalizzazione ==
Il concetto di cittadinanza negli ultimi anni si sta modificando a causa dei numerosi cambiamenti che coinvolgono la società moderna; il processo di [[globalizzazione]] sta infatti modificando la realtà dei singoli individui, soprattutto per quanto riguarda i cosiddetti cittadini o migranti transnazionali, che pur risiedendo in un paese diverso intrattengono rapporti molto stretti con il proprio stato di origine, sia dal punto di vista sociale che economico, in molti casi anche riuscendo ad influenzarne le politiche<ref>[http://www.marioandreavalori.it/documenti/2011-migrazioni.html Lessico e definizioni giuridiche e sociologiche relative alle migrazioni. Lezioni universitarie 2010-2011]</ref>. Ovviamente il peso di questa influenza dipende dal numero di membri, dalla ricchezza e dalla forza dei rapporti che la comunità riesce a stringere con il proprio paese di origine<ref>Cfr. Stephen Castles, Undestanding Global Migration: a social transformation perspective (2009)</ref>.
 
== Cittadinanza italiana ==