Differenze tra le versioni di "Governo"

Annullata la modifica 64110213 di 79.36.98.238 (discussione)
(Annullata la modifica 64110213 di 79.36.98.238 (discussione))
In un senso molto ampio il governo è l'insieme dei soggetti che in uno [[stato]] detengono il [[potere]] [[politico]]. Questo significato, laddove vige la [[separazione dei poteri]], abbraccia tutti gli [[organo (diritto)|organi]] dello Stato e degli altri [[ente pubblico|enti pubblici]], appartengano essi al [[potere legislativo]], [[potere esecutivo|esecutivo]] o [[potere giudiziario|giudiziario]]. Si fa riferimento a questo significato quando si dice che il governo, assieme al [[territorio]] e al [[popolo]], è uno degli elementi costitutivi dello Stato. Il significato può essere ulteriormente ampliato includendovi anche le forze politiche e sociali, quali i [[partito politico|partiti]] e i [[sindacato|sindacati]], che pur non essendo parti dello Stato o enti pubblici, partecipano comunque all'esercizio del potere politico.
 
In un senso più ristretto il governo è l'insieme dei soggetti che in uno [[stato]] detengono il potere politico in posizione di indipendenza, perché collocati al vertice e non subordinati ad altri soggetti (''superiores non recognoscentesreconoscentes''). Negli stati moderni questi soggetti s'identificano con gli ''organi costituzionali'', ossia quegli organi che in posizione di reciproca indipendenza partecipano alla definizione dell'[[indirizzo politico]] dello Stato: il [[parlamento]], il vertice del potere esecutivo, il [[capo dello stato]], la [[corte costituzionale]] o la [[corte suprema]] alla quale è affidato il [[controllo di legittimità costituzionale]]. Il complesso dei rapporti intercorrenti tra questi organi, disciplinati dalla [[costituzione]], costituisce la ''[[forma di governo]]'' dello Stato.
 
In un senso ancora più ristretto con governo s'intende uno solo dei predetti organi costituzionali, quello posto al vertice del potere esecutivo, dal quale dipende la [[pubblica amministrazione]]. Va notato che questo significato si distingue dal precedente solo dove vige la separazione dei poteri: nello [[stato assoluto]], infatti, i due significati coincidono e identificano il [[monarca]] con i suoi diretti collaboratori.